Scontri Foggia Barletta: scarcerati i due fermati. Polemiche per le cariche in Curva Nord

Gli avvocati Scrocco e Gabrieli: "Francesco La Torre estraneo agli scontri". L'avv. Vaira, legale di Giovanni Sica: "Osservatorio ha sottovalutato il rischio". Carpano: "Perché carica e lacrimogeni in Curva Nord?"

Gli incidenti allo Zaccheria

Francesco La Torre e Giovanni Sica, il 38enne e il 31enne arrestati durante gli scontri tra tifosi e polizia avvenuti nel dopo gara Foggia-Barletta, sono stati scarcerati.

La Torre – secondo la tesi degli avvocati Francesco Scrocco e Antonio Gabrieli – sarebbe estraneo agli incidenti. Rimasto bloccato nelle vicinanze della sua autovettura, in attesa di poter salire sul mezzo e ripartire, avrebbe pagato a caro prezzo ed erroneamente l’impossibilità di potersi muovere dal luogo dove erano in corso gli incidenti. I suoi assistiti confidano pertanto nella completa estraneità del 38enne.

Sarebbe stato invece un errore di identificazione, dovuto ad un abbigliamento simile a quello utilizzato da uno dei tifosi facinorosi, a far scattare l’arresto di Francesco Sica, il 31enne difeso dall’avvocato Michele Vaira, anch’egli rimasto praticamente bloccato e impossibilitato a muoversi dal luogo degli incidenti.

Avvocato Vaira che punta il dito contro l’Osservatorio Nazionale sulla Manifestazioni Sportive, responsabile a suo dire di quanto accaduto sabato sera. “L’Osservatorio ha sottovalutato il rischio. La Questura di Foggia è stata ineccepibile al netto di qualche perplessità che nutro sulla carica avvenuta a fine partita in Curva Nord”.

Perplessità avanzate anche da Chiara Carpano, dirigente del Foggia Calcio responsabile dei rapporti con la tifoseria, sul suo profilo Facebook: “Non mi piace....prima di tutto, io sono Mamma, di un ragazzo che ieri era in Curva Nord e che, mentre salutava e ringraziava i nostri calciatori, al centro della Curva, è dovuto scappare a causa di una carica e dei lacrimogeni. Perché? Vorrei una spiegazione. Condanno tutto quello che è successo dopo, ma continuo a chiedermi: Perché?”

In città c’è molta amarezza per quanto accaduto prima, durante e soprattutto al termine dell’incontro che ha visto il Barletta avere la meglio sul Foggia. Amarezza che trapela anche nelle parole del Questore Piernicola Silvis: “Il prezzo è stato alto, ma assolviamo doveri. Ad altri le scelte sulle dinamiche dei campionati di calcio”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Virus più sfuggente, in Puglia "il tracciamento salta" ma il sistema sanitario regge: non si escludono singoli lockdown

  • Covid, verso il nuovo Dpcm: coprifuoco tra le 22 e 23. Rischiano la chiusura parrucchieri, estetisti, cinema e teatro

  • "Che ore sono?", poi scatta la violenza: in cinque aggrediscono ragazzo in centro. "Togli la mascherina quando parli con noi"

  • In serata il nuovo Dpcm Conte: stretta sulla movida e ipotesi coprifuoco. A rischio sport dilettantisti, cinema e teatro

  • Coronavirus, quattro 'zone rosse' e 5 amaranto in Capitanata. Focolai rsa e covid-positivi in più della metà dei comuni

  • Coronavirus: sfondata quota 350 contagiati in un giorno in Puglia. I nuovi positivi in Capitanata sono 89

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento