Cronaca Vieste

Rimesso in libertà Angelo Notarangelo, ritenuto il boss dell’omonimo clan

Cintaridd è coinvolto nel processo Medioevo. Il Tribunale di Foggia ha accolto l'istanza di scarcerazione dell'avvocato Francesco Santangelo

Nel giorno della Commissione Parlamentare Antimafia, dopo la scarcerazione di Federico e Giuseppe Trisciuoglio e dei fratelli Lanza, i giudici del Tribunale di Foggia hanno rimesso in libertà Angelo Notarangelo, considerato dagli inquirenti il boss dell’omonimo clan, imputato e condannato nel processo delle estorsioni agli imprenditori turistici di Vieste, denominato Medioevo, a undici anni di reclusione ma senza l’aggravante mafioso.

ESTORSIONI, ARRESTATO ANGELO NOTARANGELO

In carcere da più di tre anni, ritenendo affievolite le esigenze di custodia cautelare, il Tribunale d Foggia ha accolto l’istanza di scarcerazione dell’avvocato Francesco Santangelo e rimesso in libertà ‘Cintaridd’, che ora dovrà recarsi quotidianamente in caserma per firmare.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rimesso in libertà Angelo Notarangelo, ritenuto il boss dell’omonimo clan

FoggiaToday è in caricamento