Migranti dalla Turchia alle Tremiti: i pochi abitanti li hanno accolti con coperte, latte, cibo e vestiti

I migranti hanno affermato di essere arrivati su una barca a vela dalla Turchia (gli scafisti sono poi scappati). Due dei nove bambini presentavano una forte tosse e per questo sono stati visitati da un medico

Foto di archivio

Sono in una struttura di accoglienza di via Benedettini nell'isola di San Domino i 18 migranti curdi sbarcati nelle prime ore del pomeriggio di ieri a Capraia, isola disabitata dell'arcipelago delle Isole Tremiti. Soccorsi delle istituzioni locali e dalla guardia costiera, poi rIfocillati, donne, uomini e bambini, di cui uno paraplegico, hanno trascorso lì la notte. 

I pochi abitanti dell'isola si sono mobilitati per prestare loro assistenza. 'C'è chi ha portato coperte, latte, cibo e vestiario" ha riferito il sindaco Antonio Fentini all'AdnKronos.

I migranti hanno affermato di essere arrivati su una barca a vela dalla Turchia (gli scafisti sono poi scappati). Due dei nove bambini presentavano una forte tosse e per questo sono stati visitati da un medico. Dovrebbero essere trasferiti sulla terraferma per ricevere le cure necessarie.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Zona gialla in Puglia ipotesi "elevata". Verso il ritorno dell'autosegnalazione: "Magari con la prenotazione del tampone"

  • La nuova ordinanza di Emiliano sulle scuole in Puglia: "Quella che sto per emanare rinnova le disposizioni in vigore"

  • La Puglia diventa gialla: da domenica riaprono bar e ristoranti (fino alle 18) e via libera agli spostamenti tra comuni

  • Choc a Foggia, ragazza aggredita senza motivo in zona Sacro Cuore: "Ho avuto paura, sono scossa"

  • Tragedia sul lavoro in provincia di Foggia: agricoltore travolto e ucciso da un muletto

  • Tragedia sulla A14: uomo si toglie la vita lanciandosi da un ponte

Torna su
FoggiaToday è in caricamento