Non risparmiano neanche le piante: furto ignobile alla scuola De Amicis, gli alberelli messi a dimora dai bambini

A poche ore dalla piantumazione, alcune delle essenze arboree che erano state collocate dinanzi l’edificio scolastico Edmondo de Amicis, a San Severo, in occasione della giornata dell'Albero, sono state portate via

A poche ore dalla piantumazione alcune delle essenze arboree che erano state collocate dinanzi l’edificio scolastico Edmondo de Amicis, a San Severo, in Piazza Cavallotti sono state portate via. E’ quanto denunciano gli assessori Felice Carrabba (Ambiente), avv. Celeste Iacovino (Pubblica Istruzione) e il Dirigente Scolastico del I Circolo Didattico prof.ssa Anna Maria Troiano, i quali hanno potuto constatare come alcune delle piante sono state asportate da ignoti: al momento risultano trafugate 12 delle 240 piante poste dinanzi al De Amicis.

“Pare incredibile che sia potuto accadere – dicono gli assessori Carrabba e Iacovino e il dirigente Troiano – ed invece è tutto vero: solo la settimana scorsa, in occasione della Giornata dell’Albero, abbiamo gioito con tanti bambini e goduto della loro felicità mentre si impegnavano nella piantumazione delle essenze arboree. Gioca ribadire che le classi del De Amicis hanno adottato queste aree verdi! Speriamo che le telecamere della zona possano aver ripreso quanto verificatosi e fornire qualche elemento in più per identificare i responsabili. Per pochi spiccioli, con questo atto è stato vanificato il grande cuore dei nostri bambini e nello stesso tempo deturpato i giardini di Piazza Cavallotti, ora disseminati di buche piccole e grandi. Condanniamo nella maniera più ferma l’incivile accaduto, ancora increduli e preoccupati per il futuro delle nuove generazioni e per l’assoluta inciviltà di questi sanseveresi”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Travolge e uccide 35enne, scappa ma telecamere e frammenti lo incastrano: arrestato per omicidio stradale

  • Emiliano chiede la 'zona rossa' per la provincia di Foggia: "Qui massima gravità e livello di rischio alto"

  • "Mamma come l'ho combinato". Tutte le vittime della violenta 'Società Foggiana': "Qui le estorsioni devi pagarle a noi"

  • Coronavirus: la Puglia resta in zona arancione

  • Finisce in carcere l'uomo che ha investito e ucciso Vincenzo Maffeo. Aveva portato a riparare il mezzo da un carrozziere

  • Sua moglie è positiva, lui è in isolamento ma va ugualmente a lavorare: segnalato al 112 e multato dai carabinieri

Torna su
FoggiaToday è in caricamento