Tenta di lanciarsi sotto un treno davanti a marito e figlio: donna tratta in salvo dalla polizia

La donna era seduta tra il secondo ed il terzo binario, mentre sopraggiungeva un treno diretto a Foggia. La stessa è stata bloccata di peso dagli agenti affinché il passaggio del convoglio non nuocesse a lei, e familiari presenti

Immagine di repertorio

Va in stazione e tenta di lanciarsi sotto un treno: donna tratta in salvo dalla polizia. E', in breve, quanto accaduto lo scorso 17 giugno, a San Severo. Gli agenti del commissariato hanno ricevuto dalla sala operativa la segnalazione di una donna, alla stazione ferroviaria cittadina, con intenzioni suicide. 

Dopo aver effettuato varie ricerche, l'attenzione degli operatori è stata attirata da due persone che chiedevano aiuto. A circa 400 metri, alla fine  della banchina calpestabile tra il secondo ed il terzo binario, vi era una donna seduta sul gradino che veniva trattenuta dal marito e dal figlio, in quanto la stessa voleva ad ogni costo farsi investire dal treno diretto a Foggia, che stava sopraggiungendo proprio in quel momento.

Gli agenti hanno immediatamente preso la donna di peso, per scongiurare rischi a lei e ai suoi familiari. Tutto ciò, nonostante la stessa opponesse resistenza dimenandosi con calci e morsi nei confronti degli agenti e del marito: con non poca difficoltà, la stessa è stata bloccata al centro della banchina, trattenendola di peso durante il passaggio del treno. 

Subito dopo è stato richiesto l’intervento del 118 per le cure del caso e, anche in tale circostanza, la donna continuava ad opporre resistenza e a fatica è stata trasportata in ambulanza al Pronto Soccorso. L’insano gesto sarebbe stato causato da una crisi avuta poco prima per problemi familiari di difficile gestione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Travolge e uccide 35enne, scappa ma telecamere e frammenti lo incastrano: arrestato per omicidio stradale

  • Emiliano chiede la 'zona rossa' per la provincia di Foggia: "Qui massima gravità e livello di rischio alto"

  • "Mamma come l'ho combinato". Tutte le vittime della violenta 'Società Foggiana': "Qui le estorsioni devi pagarle a noi"

  • Coronavirus: la Puglia resta in zona arancione

  • Finisce in carcere l'uomo che ha investito e ucciso Vincenzo Maffeo. Aveva portato a riparare il mezzo da un carrozziere

  • Sua moglie è positiva, lui è in isolamento ma va ugualmente a lavorare: segnalato al 112 e multato dai carabinieri

Torna su
FoggiaToday è in caricamento