Emozioni e sorrisi tra un tiro e un cross: grande successo per "La partita con papà"

Abbracci e desideri dei più piccoli in campo. Gli organizzatori: “È stata una bella proiezione del Natale”

Prima tappa in Capitanata per “La partita con Papà”, iniziativa nazionale lanciata da Bambinisenzasbarre onlus, in collaborazione con il Ministero di Giustizia – Dipartimento dell’amministrazione penitenziaria.

Lo scorso 6 dicembre, il Carcere di San Severo, grazie al direttore Patrizia Andrianello, all’Area Trattamentale, coordinata da Rosa Caggiano e alla Polizia Penitenziaria diretta dal Commissario Giacomo Prudentino, ha accolto le famiglie e i figli minorenni dei detenuti, che hanno così avuto la possibilità di giocare con i propri padri: un momento di normalità che, in carcere, diventa eccezionale.

L’iniziativa, organizzata con la collaborazione del cappellano don Andrea Pupilla, dell’ACSI e del CPIA1 di Foggia - diretto da Antonia Cavallone - ha visto la partecipazione di numerosi docenti e volontari.

“Nonostante la pioggia – sottolineano gli organizzatori – è stato bello osservare il legame tra i bambini e i loro padri ristretti. Alcuni di loro, alla domanda sul regalo più bello per Natale, hanno risposto che desidererebbero solo riavere il papà a casa. La partita si è conclusa con un risultato di parità, il più giusto”.

Al termine della partita, gli alunni dell’IPSSAR “M. Lecce” di San Giovanni Rotondo - diretto da Luigi Talienti - coordinati dal docente Antonio Cannata, hanno curato un banchetto, confezionando deliziose crostate e plumcake caldi per le famiglie riunite per l’occasione.

“È stata una proiezione del Natale – raccontano i presenti – con l’impegno da parte di Luigi Talienti di organizzare anche a San Severo un torneo ‘Sportivamente’, come già fatto con successo nelle altre Case Circondariali di Capitanata”.

L’iniziativa, a livello nazionale, è nata per sensibilizzare le istituzioni, i media e l’opinione pubblica sulla situazione dei 100mila bambini in Italia (2.1 milioni in Europa) che hanno il papà o la mamma in carcere e sono emarginati per questo.

“‘La partita con papà’ – sottolinea il Presidente del CSV Foggia, Pasquale Marchese - è l’occasione di un momento importante d’incontro, che rimane a lungo nella memoria di bambini e famiglie. È una campagna per superare i pregiudizi di cui possono diventare vittime questi bambini, attraverso momenti che rimarranno impressi nella memoria. Un’occasione importante – anche grazie al contributo dei volontari - per vivere una giornata in famiglia, dimenticandosi per qualche ora delle sbarre e della distanza”.

Prossimi appuntamenti negli Istituti Penitenziari di Foggia e Lucera, mercoledì 11 dicembre.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sangue nel cuore della movida, colpita con i vetri di una bottiglia e sfregiata a vita: arrestata ragazza di 20 anni

  • Grave episodio in zona via Lucera: auto imbrattata con frasi, disegni volgari e sigle contro la polizia

  • Attimi di terrore in un supermercato: irrompono malviventi, durante la rapina minacciano e tentano di colpire cassiera

  • Coronavirus: oggi 32 morti in Puglia e 397 nuovi casi in provincia di Foggia

  • Spaventoso incidente in via Castiglione: ragazza abbatte tubo del gas e si schianta contro una farmacia agricola

  • Saturimetro: cos'è e quali sono i modelli migliori in commercio

Torna su
FoggiaToday è in caricamento