rotate-mobile
Venerdì, 28 Gennaio 2022
Cronaca San Severo

Il 'bambinello' entra il carcere: a San Severo la messa di Natale per i detenuti

La cerimonia è stata officiata da mons. Giovanni Checchinato. il sindaco Miglio: "Nessuno deve sentirsi ai margini, anche chi ha sbagliato e sta pagando il suo debito con la società. Cambiare rotta è possibile"

Il 'bambinello' entra nel carcere di San Severo, dove questa mattina, come ogni anno, il sindaco Francesco Miglio si è recato per la celebrazione della Santa Messa di Natale officiata per i detenuti.

A officiare il rto è stato il vescovo Gianni Checchinato, alla presenza del direttore Patrizia Andrianello e del Comandante del Reparto di Polizia Penitenziaria dirigente aggiunto Giacomo Prudentino. Presente anche l’on. Carla Giuliano, componente della Commissione Giustizia della Camera dei Deputati.  

La cerimonia religiosa, stante la pandemia da Covid 19, si è tenuta nel cortile interno dell’istituto penitenziario e non nella Cappelletta come negli anni passati, nel pieno rispetto delle prescrizioni vigenti. Hanno animato la Santa Messa Anna Grasso e Antonio Martino, accompagnati dal Maestro Antonello Ciccone, del Coro Città di San Severo.

Nel suo breve intervento a conclusione del Rito, il sindaco Miglio ha portato a tutti i presenti gli auguri dell’Amministrazione Comunale tutta e della Città di San Severo, con l’auspicio che il Santo Natale possa essere occasione di riflessione per gli errori commessi nel passato e per il ritorno ad una vita più serena e senza reati nel futuro.  

"A Natale nessuno deve sentirsi ai margini, anche chi ha sbagliato e sta pagando il suo debito con la società", ha spiegato il primo cittadino. "Stamattina ho detto ai detenuti della Casa circondariale di San Severo che cambiare rotta è possibile. Lo devono fare per loro, per le loro compagne ma soprattutto per i loro bambini".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il 'bambinello' entra il carcere: a San Severo la messa di Natale per i detenuti

FoggiaToday è in caricamento