Alberi di ulivo vandalizzati a San Giovanni Rotondo, la condanna del sindaco: "Deturpato il lavoro di un'intera generazione"

Il primo cittadino esprime solidarietà a Michele Nardella, vittima di un vile atto vandalico nei giorni scorsi, quando ignoti hanno decorticato 40 alberi

Tempo fa Roberto Benigni ha detto: “C’è qualcosa di più terribile della violenza dei bruti: la violenza dei vigliacchi”. Con questa citazione il sindaco di San Giovanni Rotondo Michele Crisetti conclude il suo post solidale nei confronti di Michele Nardella, il 33enne vittima di un vergognoso atto vandalico perpetrato da ignoti, che nei giorni scorsi hanno decorticato circa quaranta alberi del suo uliveto. 

"Michele è un giovane di 33 anni amante della natura, molto legato alla sua terra, figlio di una generazione che con orgoglio ha lavorato duramente nei campi, coltivando uliveti per decenni. Da tempo la sua famiglia è vittima di atti vandalici che ne hanno completamente deturpato la proprietà", scrive il sindaco.

"Tutto inizia nel 2014, quando vandali ad oggi ancora ignoti raccolgono senza alcun permesso, e di fatto rubando, tutte le mandorle di un piccolo appezzamento di terra curato da suo padre. Nel febbraio del 2017, sempre in quell’appezzamento, sparisce una sbarra posta all’ingresso della proprietà. Nello stesso anno, trentuno alberelli di ulivo piantati da Michele vengono recisi poco al di sopra delle radici, bloccandone di fatto la crescita. A distanza di qualche giorno da questo atto, quattro alberi di ulivo adulti vengono completamente tagliati con una motosega. Tra l’11 e il 13 maggio di quest’anno vengono danneggiati quaranta alberi d’ulivo, tra cui quelli secolari coltivati dal nonno di Michele e altri piantati con orgoglio da suo padre".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Mani vili hanno deturpato il lavoro di un’intera generazione - conlclude Crisetti - con una violenza inaccettabile e inaudita, compiendo atti spregevoli che hanno causato danni materiali e morali, cancellando anni di storia e di identità di persone che con spirito di sacrificio hanno coltivato la propria terra per decenni. Sono vicino a Michele e a tutta la sua famiglia, a loro va tutta la mia solidarietà". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Riparte l'estate "strana" della Puglia: spiagge aperte da lunedì 25 maggio. Dal 1 luglio obbligo di apertura degli stabilimenti

  • Un regalo di nozze agli sposi dalla Regione Puglia: "Se non rimandate il matrimonio all'anno prossimo"

  • Tragedia a Manfredonia: auto in mare, morta donna

  • Straordinario traguardo in Puglia: dal tampone di paziente foggiano isolato e sequenziato genoma di due virus Sars Cov 2

  • Tragico incidente stradale sulla 'Adriatica': morto operaio foggiano, il terribile schianto contro un albero

  • Paura in un negozio di abbigliamento: titolare reagisce ai banditi armati, ferito alla testa nella colluttazione

Torna su
FoggiaToday è in caricamento