Allenatore di giorno, ma mostro di sera: arrestato 28enne foggiano

Accusato di pedofilia, il ragazzo arrestato adescava i ragazzini sui social network utilizzando identità false. Girava e riproduceva video porno

Polizia postale

E’ partita la caccia al 28enne foggiano arrestato questa mattina con l’accusa di produzione e detenzione di materiale pedopornografico, di violenza sessuale e corruzione ai danni di una decina di minorenni. Proprio su facebook, uno dei due social network sul quale il ragazzo adescava le giovanissime vittime, si è scatenata la rabbia dei lettori e dei cittadini foggiani. C’è chi vorrebbe la sua testa, chi il carcere duro e chi invece gli augura una fine lenta e sofferente.

Qualcuno si augura che venga semplicemente curato, ma è ormai risaputo che quando si tratta di pedofilia e di violenza su minori la comunità non fa sconti. Ancor di più quando a cadere nella trappola di questa malattia è un educatore, un allenatore di calcio dei bambini.

M.S., queste le iniziali del suo nome, durante il giorno allenava una squadra di calcio dilettantistica, ma la sera si trasformava in mostro. Si registrava sui social network con identità false, tipo Miky Morelli o Roberta La Neve, e adescava le giovani vittime attendendo il momento propizio per poter rendere più piccante la conversazione e per formulare richieste di prestazioni erotiche.

Alcune volte ci riusciva, altre no. Le indagini della polizia postale coordinate dalla Procura di Bari, hanno accertato che in un caso il carnefice aveva invitato a casa un 14enne promettendogli che avrebbero giocato ai videogiochi. Ma una volta dentro, nella tana del lupo, il bambino si è visto costretto ad avere rapporti sessuali.

Fortuna ha voluto invece che i genitori di un altro ragazzino scoprissero sul pc del proprio figlio materiale pedopornografico e video erotici che avevano come protagonista proprio il ragazzo. Da qui la denuncia che questa mattina ha portato all’arresto del 28enne foggiano.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Genitori furiosi con Emiliano, che li invita a non mandare i figli a scuola : "La Puglia non è una regione per bambini"

  • La scuola anti-covid di Emiliano tra ordinanze e appelli social. La contestazione: "Il 18 si torni in classe in sicurezza"

  • La Puglia torna in zona arancione. Conte firma il nuovo Dpcm: restrizioni fino al 5 marzo, riecco la scuola in presenza

  • Coronavirus: 1162 nuovi positivi in Puglia e 24 morti. In Capitanata 150 casi e sei vittime

  • San Marco e Rignano sotto choc: addio a Matteo Longo, carabiniere esemplare e dall'animo buono

  • "Esco con gli amici" ma non fa più ritorno. Scomparso a 16 anni ma c'è chi tace per paura: "Noi non dimentichiamo"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento