Uomo non respira, donna disperata chiede aiuto: due carabinieri gli salvano la vita con le manovre di primo intervento

Due carabinieri in servizio presso la sezione Radiomobile di Foggia hanno tratto in salvo un uomo colto da malore che aveva perso il respiro e conoscenza. E' accaduto ieri a Foggia tra via Saragat e via Gioberti

Senza il tempestivo intervento di due carabinieri della sezione Radiomobile di Foggia, probabilmente l'uomo che nel tardo pomeriggio di ieri ha avvertito un malore mentre si trovava in compagnia della moglie in via Saragat, non ce l'avrebbe fatta.

Per fortuna, però, sul suo cammino il malcapitato ha incrociato una pattuglia con a bordo due militari dell'Arma, Giuseppe e Francesco, che proprio in quel momento stava transitando in zona via Gioberti. 

Ciro ringrazia: "Io vivo grazie a voi"

Testimoni ci raccontano di aver visto una donna disperata chiedere aiuto, i carabinieri scendere dall'auto di servizio e prestare i primissimi soccorsi sul soggetto cardiopatico ed epilettico, che nel frattempo non respirava e aveva perso conoscenza, praticandogli manovre di primo intervento, grazie alle quali si riusciva a ristabilire la respirazione del soggetto già cianotico.

Un intervento durato circa 30 minuti prima dell'arrivo di una ambulanza e di una automedica, che i militari intervenuti avevano ulteriormente sollecitato. Accompagnata in ospedale, la vittima ha ripreso conoscenza ed è stato ricoverata in codice rosso.

Due angeli in divisa, grazie al loro tempestivo e straordinario intervento, hanno asciugato le lacrime di disperazione di una famiglia che oggi deve ai due carabinieri la vita del loro parente. Chapeau.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Travolge e uccide 35enne, scappa ma telecamere e frammenti lo incastrano: arrestato per omicidio stradale

  • Emiliano chiede la 'zona rossa' per la provincia di Foggia: "Qui massima gravità e livello di rischio alto"

  • "Mamma come l'ho combinato". Tutte le vittime della violenta 'Società Foggiana': "Qui le estorsioni devi pagarle a noi"

  • Coronavirus: la Puglia resta in zona arancione

  • Finisce in carcere l'uomo che ha investito e ucciso Vincenzo Maffeo. Aveva portato a riparare il mezzo da un carrozziere

  • Sua moglie è positiva, lui è in isolamento ma va ugualmente a lavorare: segnalato al 112 e multato dai carabinieri

Torna su
FoggiaToday è in caricamento