Bambino va in arresto cardiaco e si accascia in mare: medico e moglie foggiani gli salvano la vita

E' accaduto al lido La Caravella di Pescara. Il primo a soccorrere il bambino in vacanza con la famiglia ad Asti è stato il bagnino, poi il medico e la moglie infermiera di San Marco in Lamis, gli hanno praticato un massaggio cardiaco e la respirazione bocca a bocca

foto di repertorio

Tragedia sfiorata lunedì pomeriggio a Pescara dove un bambino di nove anni in vacanza con la famiglia da Asti ha avvertito un malore mentre era in acqua, ha perso conoscenza e si è accasciato a testa in giù.

Su segnalazione di alcuni bagnanti, il primo ad intervenire è stato un bagnino di 27 anni che si è tuffato immediatamente in mare e ha riportato il piccolo - che pare soffrisse di crisi epilettiche - a riva. Sembrerebbe che il bambino fosse in arresto cardiaco.

Per sua fortuna in quel momento in spiaggia erano presenti un medico e la moglie (con attestato di pronto soccorso) di San Marco in Lamis, che sono intervenuti praticandogli un massaggio cardiaco e la respirazione bocca a bocca.

Dopo alcune manovre il bambino si è ripreso ed è stato immediatamente trasportato in ospedale a bordo di un'ambulanza del 118 nel frattempo giunta al lido La Caravella. Sul posto anche agenti della polizia di Stato e un altro bagnino del lido vicino.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sangue nel cuore della movida, colpita con i vetri di una bottiglia e sfregiata a vita: arrestata ragazza di 20 anni

  • Emiliano chiede la 'zona rossa' per la provincia di Foggia: "Qui massima gravità e livello di rischio alto"

  • Coronavirus: la Puglia resta in zona arancione

  • Finisce in carcere l'uomo che ha investito e ucciso Vincenzo Maffeo. Aveva portato a riparare il mezzo da un carrozziere

  • Sua moglie è positiva, lui è in isolamento ma va ugualmente a lavorare: segnalato al 112 e multato dai carabinieri

  • San Marco in Lamis sotto choc, comunità in lutto per Domenico: "Questo maledetto virus gli ha tolto la vita"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento