Salma Mike Bongiorno, carabinieri fermano due foggiani nel milanese

Avrebbero chiamato più volte i familiari del conduttore televisivo per una richiesta di riscatto. Probabilmente i due sono soltanto due scialli. Potrebbero essere anche intermediari

Sono originari del foggiano i due milanesi fermati a Milano che hanno chiamato a casa Bongiorno per chiedere un riscatto di 200mila euro per la restituzione della salma di Mike, trafugata nella notte tra il 24 e il 25 gennaio. Sono stati bloccati in un quartiere semicentrale del capoluogo milanese, grazie alle indagini condotte dai carabinieri di Novara e Arona. I due avrebbero contattato anche il parroco di Dagnente, don Mauro Pozzi, vicino alla famiglia del re del quiz, chiedendo un riscatto di 300.000 euro.

I due sono stati sorpresi e bloccati mentre chiamavano da una cabina telefonica. Sembra che gli inquirenti fossero già sulle loro tracce e che i due avessero chiamato più di una volta i familiari del compianto conduttore televisivo.

Potrebbe trattarsi di un atto di sciacallaggio, ma gli inquirenti non tralascerebbero l’ipotesi che i due possano fungere da intermediari nella trattativa
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La scuola anti-covid di Emiliano tra ordinanze e appelli social. La contestazione: "Il 18 si torni in classe in sicurezza"

  • La Puglia torna in zona arancione. Conte firma il nuovo Dpcm: restrizioni fino al 5 marzo, riecco la scuola in presenza

  • Coronavirus: 1162 nuovi positivi in Puglia e 24 morti. In Capitanata 150 casi e sei vittime

  • San Marco e Rignano sotto choc: addio a Matteo Longo, carabiniere esemplare e dall'animo buono

  • Scuola, si cambia di nuovo: "Superiori in Ddi al 100% per una settimana, elementari e medie in presenza (con ddi a scelta)”

  • "Esco con gli amici" ma non fa più ritorno. Scomparso a 16 anni ma c'è chi tace per paura: "Noi non dimentichiamo"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento