Delle Noci: “Dotazione delle armi necessaria per svolgere servizi notturni”

Il Comandante rassicura Mongelli sul servizio della Polizia Municipale ma ricorda che ogni tentativo di fermare i ciclomotori determina il compimento di manovre di fuga pericolose da parte dei conducenti

Polizia Municipale

Il Comandante della Polizia Municipale di Foggia, Romeo Delle Noci, replica alle esternazioni dell’amministrazione comunale in merito alle problematiche inerenti l’area del centro storico facendo rilevare quanto segue:

LA LETTERA DI DELLE NOCI

Come ogni anno, con l’approssimarsi della stagione calda, a partire dai primi giorni del mese di aprile sono stati intensificati i servizi di presidio del centro storico, con particolare riferimento alla fascia oraria serale mediante interventi mirati con l’impiego, secondo la consistenza numerica di personale e compatibilmente con la concomitanza con ulteriori esigenze di servizio aventi pari priorità, destinando agli stessi dalle sei alle otto unità.

Com’è noto anche all’amministrazione comunale i servizi d’istituto della Polizia Municipale terminano alle ore 22, fatti salvi quelli relativi al rilevamento degli incidenti stradali svolti con le cautele e secondo le modalità convenute in sede di redazione del “Patto per Foggia sicura” del novembre 2008.

Ciò in quanto la fase di armamento del corpo non ha ancora avuto inizio in ragione delle ristrettezze di bilancio nonché della mancata attuazione delle progettualità a suo tempo richieste ai competenti uffici tecnici per la realizzazione dei locali di custodia delle armi a norma di legge.

La dotazione dell’arma costituisce condizione necessaria per poter svolgere i servizi notturni in sicurezza, sotto il profilo dell’incolumità degli operatori, anche al fine di scongiurare profili di grave responsabilità, in caso di infortunio, per il responsabile del servizio e per l’amministrazione stessa

Nei giorni scorsi era già stata concordata telefonicamente con l’assessore allo Sviluppo Economico una linea di intensificazione dell’attività di presidio del centro storico per lo svolgimento di una serie di servizi da porre in essere nei prossimi giorni.

L’attività di contrasto dei transiti vietati dei ciclomotori, nonché dell’annoso fenomeno della conduzione di ciclomotori senza l’uso del casco, che espone il conducente ed eventuale passeggero, ove ammesso, a seri rischi per la propria incolumità, costituisce operatività estremamente complessa e da attuarsi secondo rigidi protocolli di sicurezza.

Ciò al fine di non esporre i contravventori, i passeggeri, ed i passanti a rischi ancora più elevati rispetto a quelli determinati dal transito non consentito o dal mancato uso dei dispositivi di sicurezza. L’esperienza maturata nel corso degli anni ha dimostrato che ogni tentativo di fermare tali mezzi, salvo casi sporadici, determina il compimento di manovre diversive da parte dei conducenti estremamente più pericolose quali con scarti improvvisi ed accelerate  alla cieca al fine di sottrarsi ai controlli ed alle sanzioni di rito.

E’ appena il caso di rammentare che in passato, proprio durante lo svolgimento dei servizi di interdizione del centro storico al traffico non autorizzato, un agente della polizia municipale fu brutalmente investito dal conducente di un ciclomotore che tentava di darsi alla fuga dopo che gli era stato intimato l’alt.

Ciò non significa che, questo comando, non abbia svolto nell’area in argomento i servizi dovuti, effettuando anche interventi incisivi sotto il profilo della tutela dell’incolumità pubblica.

Si rammenta, ad esempio, che durante le scorse settimane personale della Polizia Municipale, così come sottolineato anche da autorevoli esponenti dell’amministrazione comunale, ha provveduto ad allontanare dalla zona una persona che aveva causato non pochi disagi agli avventori di un pubblico esercizio per ubriachezza molesta, persona successivamente soccorsa e mostrante sintomi di tbc, con esposizione degli operanti al concreto rischio di contagio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In ogni caso, così come ampiamente già preannunciato ed assicurato all’amministrazione comunale, verranno poste in essere tutte le possibili azioni volte ad intensificare il presidio del centro storico della nostra città che consideriamo, al pari di ogni cittadino, area densa di storia e di significato da preservare e da rendere fruibile nella maniera più sicura possibile.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Virus più sfuggente, in Puglia "il tracciamento salta" ma il sistema sanitario regge: non si escludono singoli lockdown

  • Coronavirus, ordinanza di Emiliano sulle scuole: da lunedì sospese le lezioni in presenza per le ultime tre classi

  • Covid, verso il nuovo Dpcm: coprifuoco tra le 22 e 23. Rischiano la chiusura parrucchieri, estetisti, cinema e teatro

  • "Che ore sono?", poi scatta la violenza: in cinque aggrediscono ragazzo in centro. "Togli la mascherina quando parli con noi"

  • In serata il nuovo Dpcm Conte: stretta sulla movida e ipotesi coprifuoco. A rischio sport dilettantisti, cinema e teatro

  • Coronavirus, quattro 'zone rosse' e 5 amaranto in Capitanata. Focolai rsa e covid-positivi in più della metà dei comuni

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento