Lunedì, 20 Settembre 2021
Cronaca San Severo

Abbandonano rifiuti nei campi e appiccano il fuoco: guerra ai roghi tossici, scattano denunce e sequestri

Proseguono le attività della polizia locale di San Severo in materia di reati ambientali. Coordinati dalla Procura di Foggia, gli agenti hanno eseguito un provvedimento coercitivo, denunciato due persone e sequestrato due trattori

Immagine di repertorio

Stretta sui reati ambientali a San Severo, in particolar modo sull’abbandono e incendio di rifiuti speciali. A seguito di attività di indagine della polizia locale di San Severo, coordinata dalla Procura di Foggialo scorso 24 febbraio, è stata eseguita un’ordinanza di misura cautelare per abbandono e incendio di rifiuti speciali.

La misura cautelare riguarda un provvedimento coercitivo dell’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria, emesso nei confronti di un uomo di San Severo. Altre due persone sono state denunciate per gestione, trasporto e abbandono incontrollato di rifiuti speciali sul suolo. Inoltre, è stato eseguito anche il decreto di sequestro preventivo di due trattori agricoli utilizzati per la commissione del reato di gestione, trasporto e abbandono di rifiuti speciali che in un momento successivo sono stati incendiati.

L’ordinanza applicativa della misura coercitiva, con annesso decreto di sequestro preventivo dei veicoli, è stata emessa dal gip del Tribunale di Foggia Roberta di Maria su richiesta del , coordinatore delle indagini, Marco Gambardella. Il soggetto, destinatario della misura cautelare, identificato nel corso delle indagini, appiccava il fuoco a rifiuti speciali di diversa tipologia abbandonati in precedenza sul suolo. I rifiuti venivano abbandonati in un’area situata in agro di San Severo a ridosso della S.P. 109 San Severo – Lucera all’altezza della vecchia discarica poco distante dal centro abitato.

I soggetti identificati, invece, per mezzo dei trattori agricoli sottoposti a sequestro, in diverse occasioni effettuavano attività di gestione, raccolta, trasporto e smaltimento di rifiuti speciali. Il terreno agricolo di pubblico accesso, sul quale sono state svolte le indagini, è stato monitorato dagli agenti per alcuni mesi nei quali si è accertato che lo stesso terreno veniva utilizzato in maniera abituale come una discarica ad uso privato.

“Una strategia di intervento che sta portando ottimi risultati utili ad affermare la legalità e la presenza di controlli costanti su tutto il territorio di San Severo. Difatti, la tempestività dei provvedimenti emessi dalla Procura consente di costruire un fronte che fa da argine ad una piaga che attanaglia il territorio ma che, comunque, grazie a questo tipo di interventi vede un ridimensionamento. L’obiettivo è proseguire su questa strada”, conclude il comandante della polizia locale di San Severo, Ciro Sacco.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Abbandonano rifiuti nei campi e appiccano il fuoco: guerra ai roghi tossici, scattano denunce e sequestri

FoggiaToday è in caricamento