Rarissimo esemplare di cicogna nera trovato morto a Rocchetta: fatale l'impatto con i cavi elettrici

Come riporta il referente pugliese del Gruppo di lavoro italiano sulla Cicogna Nera (Glicine) fatale al volatile sarebbe stato l'impatto con i cavi elettrici: "L’elettrocuzione e collisione con strutture aeree resta infatti una delle principali minacce per questa grande specie migratrice"

Grazie alla segnalazione di appassionati locali e del naturalista campano Maurizio Fraissinet, si è venuti a conoscenza, con grande dispiacere da parte dei ricercatori del Gruppo di Lavoro Italiano sulla Cicogna Nera (glicine) del decesso a metà maggio di un esemplare di rarissima Cicogna nera (Ciconia nigra) in Provincia di Foggia nei pressi di Rocchetta Sant'Antonio. 

"La perdita di un giovane esemplare - spiega il coordinatore nazionale Lucio Bordignon - rappresenta sempre un duro colpo per la conservazione di una specie rara e sempre più localizzata come nidificante in poche zone d'Italia; nel 2019, ad esempio, solo 14 coppie hanno allevato giovani con l'involo di 45 esemplari e quindi si può ben capire quanto sia importante proteggere ogni singolo esemplare dalle morti accidentali, non a caso il Glicine ha pubblicato nel 2018 lo “Status e linee guida nazionali per la conservazione della Cicogna nera in Italia”. 

"Dalle informazioni pervenute pare - spiega il referente pugliese Matteo Caldarella - che l’animale sia deceduto per impatto con cavi elettrici. L’elettrocuzione e collisione con strutture aeree resta infatti una delle principali minacce per questa grande specie migratrice e, soprattutto, veleggiatrice che ama muoversi tra le valli in prossimità di corsi d’acqua. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Cogliamo quindi l'occasione per sensibilizzare l'opinione pubblica e gli enti competenti nella pianificazione territoriale su quanto sia importante evitare il posizionamento delle numerose strutture aeree sospese (cavi elettrici, torri eoliche etc.) in quanto queste forme di impatto determinano una forte minaccia per la sopravvivenza di specie rare e minacciate come la Cicogna nera".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scandalo a luci rosse nella Caritas di Foggia. Sacerdote filmato durante atti sessuali e minacciato, nei guai due persone

  • Attimi di paura in via Monfalcone: aggrediti agenti della Locale, per aver chiesto di abbassare il volume della musica

  • Tragedia sulle strade del Gargano: morto motociclista di 31 anni, impatto fatale con un'auto

  • Elicottero sorvola Foggia: raffica di perquisizioni, forze dell'ordine a caccia di armi e droga

  • Tutti i voti delle liste e dei candidati. Piemontese il più suffragato: 6 su 10 eletti hanno già fatto il consigliere regionale

  • Il virus dilaga, Landella corre ai ripari: a Foggia mascherine obbligatorie all'aperto e centri commerciali chiusi domenica

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento