Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Violenza di genere, la legge da sola non basta. Bruzzone: “Serve un cambiamento culturale”

La nota criminologa ospite presso l’auditorium dell’Ordine dei Medici, nell’incontro ‘Delitti in famiglia: profili investigativi, criminologici e vittimologici’, promosso dal Lions Club Foggia Host

 

 “Ben vengano eventi di questo tipo”: così Roberta Bruzzone, ospite d’onore dell’incontro ‘Delitti in famiglia, profili investigativi, criminologici e vittimologici’, organizzato dal Lions Club Foggia Host e patrocinato da Ordine degli Avvocati e dei Medici. Un incontro dedicato a un tema purtroppo attuale e per nulla in via di ridimensionamento. I casi di violenza domestica e, nei casi più estremi, di femminicidio, sono sempre più frequenti, malgrado in Italia ci sia una legge tra le migliori in Europa. “Ma è un problema prima di tutto culturale”, fa presente la Bruzzone. “Occorre risvegliare le coscienze su tanti piccoli comportamenti quotidiani che realmente alimentano il cortocircuito della violenza”.

E poi c’è il problema della legge, tra le migliori, ma non sempre applicata correttamente: “La stesura teorica non basta. Troppo spesso in fase di denuncia si tende a sottovalutare la situazione, e non vengono presi i provvedimenti necessari. Se non si interviene in tempo, si può generare un’escalation che può portare al femminicidio.  

Potrebbe Interessarti

Torna su
FoggiaToday è in caricamento