Ritrovato raro esemplare di capriolo garganico, la specie protetta era allevata in cattività

Il prezioso ritrovamento è stato effettuato dagli agenti del Corpo Forestale nelle vicinanze della Foresta Umbra. Il 'Bambi' del Gargano è una femminuccia di un anno

Bambi e l'agente della forestale

Era chiuso in un’area recintata e allevato in cattività il raro esemplare di capriolo garganico, specie autoctona a rischio estinzione, ritrovato dagli agenti del Corpo Forestale dello Stato al confine con la Foresta Umbra. Si tratta di una femmina di circa un anno catturata in tenera età. Il piccolo “bambi” del Gargano, così ribattezzato dai forestali, rappresenta il primo esemplare allevato in cattività di cui si ha notizia nel Parco Nazionale del Gargano

E’ importantissima per lo studio scientifico della popolazione di questa specie, rimasta  isolata dal resto dell’Italia e quindi non inquinata geneticamente, perché può fornire informazioni utili dal punto di vista genetico, morfologico ed etologico. Sul Gargano la sua presenza è circoscritta alla Foresta Umbra e alle zone limitrofe nella faggeta d’alto fusto. La sua presenza nel cuore del Parco, inoltre, testimonia l’esistenza di un habitat intatto e adeguato alle esigenze alimentari della specie.

L’importanza del ritrovamento è anche dovuta al fatto che essendo l’animale “avvicinabile”, consente una serie di verifiche sino ad ora difficili senza catture traumatizzanti; basti pensare alla difficoltà nel reperire anche solo una foto di capriolo garganico ritratte in natura. Resta da comprendere se anche il “bambi” del Gargano sia rimasto privo della madre per colpa dei bracconieri, e quali siano state le circostanze che hanno portato alla sua cattura.

OTTO BUONI AZIONI PER TUTELARE LA SPECIE

Per il momento la giovane femmina di capriolo è stata messa in sicurezza dal  Corpo forestale dello Stato, che lo ha reso disponibile ai veterinari del Parco e al Centro Studi Naturalistici, tempestivamente informati del ritrovamento che ne verificheranno il suo stato di salute e ne valuteranno le successive azioni

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il presidente del Parco, l'avv. Pecorella, prontamente avvisato, ha ringraziato il Comandante Malaspina del Corpo Forestale per la brillante operazione sottolineando l'importanza sul territorio della presenza e dei risultati della Forestale. Ha aggiunto, inoltre, la necessità di garantire le cure e le attenzioni necessarie da prestare alla giovane del capriolo, raro esempio di animale selvatico diventato domestico con le attenzioni dell'uomo. Certo, dovranno essere verificate le circostanze inerenti il ritrovamento in stato di cattività dell'animale che è bene ricordare essere specie protetta.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, ordinanza di Emiliano sulle scuole: da lunedì sospese le lezioni in presenza per le ultime tre classi

  • 423 contagiati a Foggia, Landella firma l'ordinanza: vie e piazze della movida "chiuse" dopo le 21 nel fine settimana

  • "Che ore sono?", poi scatta la violenza: in cinque aggrediscono ragazzo in centro. "Togli la mascherina quando parli con noi"

  • In serata il nuovo Dpcm Conte: stretta sulla movida e ipotesi coprifuoco. A rischio sport dilettantisti, cinema e teatro

  • Coronavirus, l'avanzata dei contagi preoccupa la Puglia: "Si deve uscire solo per lavorare, istruirsi o altre gravi necessità"

  • Coronavirus: 75 casi in provincia di Foggia, in Puglia sono 301 e tre morti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento