Pazienti contagiati svegli e coscienti, funziona l'ozono-terapia al Policlinico Riuniti: "Hanno mostrato miglioramenti"

Tutti i pazienti sono ricoverati con diagnosi di insufficienza respiratoria da Coronavirus, con severità moderata, trattati con supporto ventilatorio di tipo non invasivo e, quindi, sono svegli e coscienti

Cominciano a pervenire i primi risultati della sperimentazione con ossigeno-ozonoterapia come coadiuvante per la cura del Covid-19, avviata al Policlinico Riuniti di Foggia, primo tra gli ospedali in Puglia.

Presso la struttura complessa di Anestesia e rianimazione Universitaria, diretta dalla prof.ssa Gilda Cinnella, sono stati trattati fino a questo momento 7 pazienti. Di questi 7 pazienti, 4 sono migliorati e sono stati trasferiti nei reparti di Malattie infettive e di Pneumologia. Tutti i pazienti sono ricoverati con diagnosi di insufficienza respiratoria da Covid-19 con severità moderata, trattati con supporto ventilatorio di tipo non invasivo e, quindi, sono svegli e coscienti.

I pazienti, 3 maschi e tre femmine, hanno ricevuto un minimo di 3 trattamenti fino ad un massimo di 7, non hanno presentato particolari problemi durante e dopo la procedura e hanno mantenuto una stabilità dei parametri vitali. I pazienti hanno mostrato un miglioramento dei livelli di ossigenazione ed un più lento e parziale miglioramento degli indici di laboratorio sullo stato infiammatorio dell’organismo.

Durante tutta la durata della procedura, è stato mantenuto costantemente un contatto verbale con i pazienti per verificare l’eventuale comparsa di effetti collaterali che non si sono verificati. Un effetto particolare dell’ozonoterapia è quello di trasmettere un senso di energia ai pazienti che dura per alcune ore dopo la procedura e che rende il trattamento nei pazienti svegli abbastanza gradito.

“Siamo cautamente ottimisti, ma i dati raccolti fino a questo momento ci portano a credere che l’ossigeno-ozono terapia rappresenti un importante approccio alle cure per i pazienti affetti dal Covid-19”, dichiara il direttore generale del Policlinico Riuniti Vitangelo Dattoli. “Il protocollo terapeutico attivato al Policlinico Riuniti per l’emergenza Covid-19 potrà, inoltre, essere applicato successivamente anche per la cura della insufficienze respiratorie che non siano Covid correlate”.

L’ossigeno-ozono terapia consiste nell'uso di una miscela di ossigeno e ozono per stimolare e aumentare i meccanismi di protezione nei confronti della produzione di radicali liberi e di sostanze tossiche per le cellule. La terapia ha un potente potere anti-infiammatorio che si esplica attraverso la liberazione di citochine dotate di attività immunostimolanti o immunodeprimenti. Attraverso l’azione antiinfiammatoria, antiedemigena ed immunomodulante dell’ozono somministrato per via sistemica (autoemotrasfusione-Aht), si prevede di poter migliorare la performance polmonare in termini di scambi gassosi, miglioramento dell’ossigenazione e riduzione dell’infiammazione. 

“La polmonite da Covid 19 ha un comportamento del tutto peculiare, diverso dalle polmoniti a cui siamo abituati, per cui la ricerca di nuovi trattamenti che possano dimostrare efficacia clinica rappresenta un dato di particolare importanza. Abbiamo subito voluto adottare l’ozono terapia come opzione terapeutica. I dati raccolti fino a questo momento sembrano essere promettenti. L’impressione di noi Rianimatori è che l’ozonoterapia inquadrato in un pacchetto di trattamenti, le cosiddette “bundles”, possa aumentare la possibilità di guarigione”, ha dichiarato la responsabile della sperimentazione clinica con ossigeno-ozonoterapia prof.ssa Lucia Mirabella.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Si ipotizza che l’azione virustatica dell’ozono, utilizzato per via topica, orale, nasale ed oculare, possa permettere la riduzione della carica virale così da spegnere il focolaio nelle infezione da Covid19 con miglioramento dell’ossigenazione e della funzionalità polmonare”- conclude la prof.ssa Gilda Cinnella. Con le professoresse Cinnella e Mirabella, partecipano alla conduzione della sperimentazione clinica il dott. Leonardo Consoletti, esperto diplomato in somministrazione di ossigeno-ozono e docente a contratto nel corso annuale di Ossigeno-ozono terapia medica presso l’università di Siena, e i dottori Nicoletta Di Francesco, Karim Mariano, Roberta Caporusso, Francesco Barberio e Paolo Vetuschi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scandalo a luci rosse nella Caritas di Foggia. Sacerdote filmato durante atti sessuali e minacciato, nei guai due persone

  • Attimi di paura in via Monfalcone: aggrediti agenti della Locale, per aver chiesto di abbassare il volume della musica

  • Tragedia sulle strade del Gargano: morto motociclista di 31 anni, impatto fatale con un'auto

  • Elicottero sorvola Foggia: raffica di perquisizioni, forze dell'ordine a caccia di armi e droga

  • Il virus dilaga, Landella corre ai ripari: a Foggia mascherine obbligatorie all'aperto e centri commerciali chiusi domenica

  • Tutti i voti delle liste e dei candidati. Piemontese il più suffragato: 6 su 10 eletti hanno già fatto il consigliere regionale

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento