menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Violenta rissa tra tifoserie sulla A16 a Cerignola: blitz nelle abitazioni dei violenti, nel mirino 35 ultrà baresi e leccesi

Il 23 febbraio 2020 ci fu una rissa in agro di Cerignola sulla autostrada A16. Nel corso della rissa un mezzo di tifosi leccesi fu dato alle fiamme, altri gravemente danneggiati e fu interrotta la circolazione sull’autostrada per diverse ore.

Nella mattinata odierna, su disposizione della procura della Repubblica presso il tribunale di Foggia, personale della Digos di Bari, Lecce, Foggia e Pordenone, ha eseguito decine di perquisizioni locali e personali.

In particolare, fin dalle prime ore del mattino, la polizia ha effettuato complessivamente 39 perquisizioni, 25 delle quali nei confronti di esponenti della tifoseria organizzata barese e 14 nei confronti di ultras leccesi. Perquisite anche le sedi dei più importanti club degli ‘ultras’ del Bari.

L’operazione di questa mattina si inserisce nell’attività di indagine, coordinata dal sostituto procuratore della Repubblica, dr. Marco Gambardella, avviata subito dopo la violenta rissa avvenuta il giorno 23 febbraio 2020, lungo l’autostrada A16, in careggiata Sud, nei pressi di Cerignola tra le tifoserie di Bari e del Lecce, (rispettivamente dirette a Castellamare di Stabia er l’incontro di calcio con la Cavese e a Roma per l’incontro di calcio con i giallorossi).

Nel corso della rissa un mezzo di tifosi leccesi fu dato alle fiamme, altri gravemente danneggiati e fu interrotta la circolazione sull’autostrada per diverse ore.

I servizi predisposti dalla digos di Bari nell’immediatezza dei fatti avevano pure consentito di identificare, all’uscita dei due caselli autostradali baresi ed in altre zone del capoluogo, decine di tifosi di entrambe le fazioni (alcuni dei quali perquisiti oggi), e rinvenire strumenti/oggetti atti a offendere, verosimilmente utilizzati nella rissa, per il possesso dei quali sono già stati segnalati quattro soggetti alla locale Procura della Repubblica.

L’attività odierna ha consentito di sequestrare materiale utile alle indagini.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La strega comanda color color...rosso!

Attualità

Il Governo reintroduce la zona gialla e riapre le attività all'aperto. Il premier Draghi: "Rischio ragionato su dati in miglioramento"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FoggiaToday è in caricamento