menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"E' stato brutto". Un sabato sera si trasforma in guerriglia in piazza Mercato: bottiglie in testa, calci e sputi a stranieri

Due ragazzi del Gambia aggraditi in piazza Mercato davanti agli occhi delle due fidanzate. E' probabile che le aggressioni all'indirizzo degli stranieri siano proseguiti per tutta la notte.

Una serata tranquilla con una coppia di amici di passaggio in città si è trasformata in un incubo per due ragazzi del Gambia e le loro fidanzate, tra cui una ragazza di Foggia. 

Sabato scorso tra le 2 e le 4 di notte piazza Mercato è stata teatro di almeno una aggressione all'indirizzo di due ragazzi di colore, ma i malcapitati sarebbero quattro e gli episodi di violenza due, verificatisi a distanza di poche ore l'uno dall'altro. Il viavai delle ambulanze sul posto conferemerebbe il clima di guerriglia che ha caratterizzato la movida del week-end appena trascorso.

Di uno dei feriti sappiamo che ha riportato un trauma cranico e cinque punti; e che nel tentativo di cercare di capire cosa stesse accadendo, mentre nel frattempo "c'erano già bottiglie che volavano in aria" e il suo amico era a terra, si è ritrovato a doversi difendere da un gruppo di ragazzi, che lo hanno accerchiato e aggredito. Erano almeno una decina. Invano si è rivelato il tentativo disperato della sua compagna di chiedere un chiarimento e riportare l'ordine: "Gli è arrivata una bottiglietta in testa ed è caduto a terra perdendo i sensi".

A quel punto la ragazza ha provato a proteggere il fidanzato coprendogli la testa e il volto, ma la violenza del branco non si è arrestata nemmeno di fronte al sangue e al ferimento del malcapitato. Anzi, è proseguita con il lancio delle bottiglie di vetro, mozziconi di sigarette, sputi, calci e insulti: "Ve ne dovete andare da qua", "vedi ste due sceme che li difendono pure".

Uno degli aggressori avrebbe scagliato il casco sulla testa del malcapitato, rimasto, nel frattempo, dolorante a terra: "E' stato davvero brutto e umiliante". Onore all'unica persona intervenuta in soccorso delle vittime, mentre la maggior parte dei presenti, evidentemente in preda allo spavento, sono scappati o si sono rifugiati nei locali vicini.

La ricostruzione dei gravissimi episodi ora è al vaglio della polizia. Oltre alle testimonianze degli aggrediti e dei presenti, gli investigatori confidano nelle immagini delle telecamere dell'area per ricostruire con esattezza le fasi della guerriglia e risalire ai responsabili.

Nel frattempo, a poche ore dall'ennesima notte insonne, di violenza e di paura, sui social i residenti e i frequentatori del centro storico tornano a chiedere maggiori controlli e la presenza fissa di una pattuglia delle forze dell'ordine dopo la mezzanotte.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Alimentazione

Proprietà e benefici delle fave

Attualità

O la si salva o la si uccide

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FoggiaToday è in caricamento