menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il 19enne arrestato

Il 19enne arrestato

Rissa al Cara per un posto sul bus navetta: tre feriti, arrestato turco

Tre gli stranieri feriti in modo non grave e uno arrestato. Nei disordini è stata sequestrata una pericolosa lancia artigianale lunga un metro. Trenta carabinieri intervenuti per sedare la rissa

Sono dovuti intervenire 30 militari per sedare la violenta rissa scoppiata nel tardo pomeriggio dello scorso sabato, a Borgo Mezzanone, all’ingresso del centro accoglienza richiedenti asilo. Cinquecentosettanta – spiegano gli inquirenti – gli ospiti al momento presenti nella struttura; e come sempre, all’aumentare degli ospiti aumentano in maniera esponenziale le tensioni, e basta veramente poco per infiammare gli animi.

Ed è quello che è successo sabato 14 aprile. Tutto è nato a bordo di una circolare Ataf. La linea 24 che collega il capoluogo dauno al centro accoglienza richiedenti asilo. Secondo quanto ricostruito dai carabinieri di Foggia, dai colleghi della stazione di Panni e dai militari dell’aeronautica intervenuti sul posto, a far scoppiare la rissa è stata la decisione di un 19enne turco di occupare quattro posti dell’autobus per alcuni amici. coltello-3

Una “spavalderia” che non è piaciuta altri ospiti del C.A.R.A. e che per questo si sono subito scagliati contro. Il litigio, prima solo verbale, è rapidamente degenerato ed ha coinvolto altre persone – altri ospiti di etnie turche e africane - con i militari dell'arma che hanno dovuto faticare molto per riportare l’ordine tra gli ospiti del campo.

Durante la rissa, i carabinieri hanno visto lanciare, a mò di giavellotto, una pericolosa lancia artigianale lunga un metro, ora posta sotto sequestro, realizzata con un tubo metallico e la lama di un grosso coltello da cucina, della lunghezza di 20 cm.

Un’arma artigianale ma ben costruita – puntualizzano i militari – realizzata per uccidere e non per offendere o intimidire: solo per un caso fortuito il suo utilizzo nei disordini dello scorso sabato non ha creato conseguenze ben più gravi.

Al termine degli scontri tre persone sono state medicate all’infermeria del centro: contusioni e ferite lievi giudicate guaribili in 3 e 5 giorni, mentre un ospite del campo, D.E. 19enne, di etnia turca, è stato arrestato per il reato di rissa aggravata e per aver opposto resistenza ai carabinieri che tentavano di bloccarlo.

 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FoggiaToday è in caricamento