Rissa al Cara di Borgo Mezzanone, accoltellato tunisino 21enne

La lite è avvenuta il giorno di Pasqua presumibilmente a causa di una donna. Il malcapitato ha un polmone perforato ma non dovrà sottoporsi ad intervento chirurgico. L'aggressore è stato denunciato

Le condizioni di salute del tunisino ricoverato in prognosi riservata agli Ospedali Riuniti sono stazionarie. Il 21enne accoltellato alla schiena il giorno di Pasqua nel corso di una mega rissa scoppiata al Centro di accoglienza richiedenti asilo di Borgo Mezzanone, presumibilmente a causa di una donna, non sarebbe in pericolo di vita, nonostante il malcapitato abbia un polmone perforato.

E’ stata esclusa pertanto l’ipotesi di un intervento chirurgico. Il tunisino non è l’unico ad aver ricorso a cure mediche. Altre persone hanno riportato ferite o lesioni guaribili in pochissimi giorni, compreso l'aggressore iracheno.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Puglia torna in zona arancione. Conte firma il nuovo Dpcm: restrizioni fino al 5 marzo, riecco la scuola in presenza

  • Scuola, si cambia di nuovo: "Superiori in Ddi al 100% per una settimana, elementari e medie in presenza (con ddi a scelta)”

  • La Puglia verso la zona arancione

  • Addio a Padre Marciano Morra: per 20 anni fu amico e confratello di Padre Pio

  • Otto minuti di follia: inseguimento da film tra auto e pedoni, l'incidente contro un muro e la cattura dei due fuggitivi

  • Neve fino a quote basse e temperature in calo: oggi tempo incerto, domani sole e giovedì sera la coltre bianca

Torna su
FoggiaToday è in caricamento