Omicidi Panunzio e Ciuffreda: mafia foggiana risarcirà Stato

Cinque milioni alla presidenza del Consiglio e uno al Ministero dell'Interno. Gli imprenditori edili foggiani furono uccisi nel '90 e nel '92 per non essersi piegati al ricatto di una tangente di 2 miliardi

Tribunale

Gli assassini degli imprenditori edili foggiani Giovanni Panunzio e Nicola Ciuffreda uccisi rispettivamente il 6 novembre del 1992 e il 14 settembre del 1990 “perché si erano opposti e non avevano subito il ricatto della criminalità organizzata che pretendeva la “solita” tangente di due miliardi”,  dovranno pagare 6 milioni di euro, di cui 5 alla presidenza del Consiglio e 1 al Ministero dell’Interno.

A stabilire la cifra del risarcimento è stato il Tribunale di Bari, che ha accolto il ricorso dell’Avvocatura dello Stato. Sono 36 gli imputati accusati di associazione di stampo mafiosa, droga e omicidi che dovranno pagare la cifra. Alcuni però sono stati assassinati nel corso degli anni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Genitori furiosi con Emiliano, che li invita a non mandare i figli a scuola : "La Puglia non è una regione per bambini"

  • La scuola anti-covid di Emiliano tra ordinanze e appelli social. La contestazione: "Il 18 si torni in classe in sicurezza"

  • La Puglia torna in zona arancione. Conte firma il nuovo Dpcm: restrizioni fino al 5 marzo, riecco la scuola in presenza

  • Coronavirus: 1162 nuovi positivi in Puglia e 24 morti. In Capitanata 150 casi e sei vittime

  • San Marco e Rignano sotto choc: addio a Matteo Longo, carabiniere esemplare e dall'animo buono

  • "Esco con gli amici" ma non fa più ritorno. Scomparso a 16 anni ma c'è chi tace per paura: "Noi non dimentichiamo"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento