menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il presidente del comitato

Il presidente del comitato

Un quartiere riqualificato e a misura d’uomo: è l’obiettivo dei residenti del Salice Nuovo

Avviata la fase di rilancio dello storico quartiere periferico di Foggia. Il comitato di zona avvia i progetti che interessano un centinaio di famiglie

Il comitato del Salice Nuovo di Foggia si schiera al fianco del Comune nella lotta ai ladri di rame e plaude agli interventi per il rilancio della zona periferica della città. “Il ripristino della pubblica illuminazione è un chiaro segnale che il Salice non è più un confine abbandonato, ma può diventare quello che desideriamo da tempo: una piccola città nella città” afferma Dario Iacovangelo.

Aggiunge il presidente del comitato: “E’ solo una traccia, ma la strada da seguire è quella della garanzia dei servizi. Ecco perché riteniamo che sia ora dei fatti concreti e di lasciare per strada le sterili proteste che non hanno mai prodotto risultati. E’ mia intenzione avviare presto una intesa con il sindaco Franco Landella sui progetti e sulle urgenze, come la immediata copertura dei tombini, sia per scongiurare i furti di rami sia per tutelare la sicurezza e l’incolumità dei tanti residenti”.

Obiettivo del comitato è riqualificare il quartiere e renderlo a misura d’uomo: viabilità, illuminazione, una soluzione rapida, efficace e realizzabile per il ponte che attraversa la tangenziale ed il definitivo recupero della storica Chiesa di San Lorenzo “perché anche al Salice si possa cominciare a fare attività di parrocchia ed aggregazione per i giovani e le famiglie”.

Iacovangelo aggiunge: “Proprio in questo senso e sul progetto del definitivo recupero della Chiesa di San Lorenzo è di particolare importanza l’apporto di don Fausto Parisi con la sua Onlus Giovanni Paolo II. Al Sindaco Landella noi diciamo: eccoci, ci siamo, operiamo insieme, perché tutto ciò che sarà fatto per il Salice Nuovo sarà fatto per la città stessa e perché non ci interessano onori o medaglie ma veder crescere i nostri figli in un quartiere residenziale che si possa definire tale, non in una terra di nessuno quale è oggi il Salice Nuovo”

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Dal 17 gennaio, la Puglia torna 'arancione': cosa è consentito fare e cosa no

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FoggiaToday è in caricamento