Sentenza bomba del Tar Puglia: "Fine di una serie di dinieghi al rinnovo porto d'armi"

Le precisazioni dell'avvocato Lanunziata: "Il Tar Puglia riconosce che l’interpretazione della Circolare non tiene conto dell’Istituto della riabilitazione e della condotta attuale del cittadino"

Questura di Foggia

“Il Tar Puglia, insieme al Tar Piemonte, con una sentenza “bomba”, una delle prime in Italia, riconosce che l’interpretazione della Circolare del Ministero dell’Interno in materia di rinnovo di porto d’armi è quantomeno antitetica ed obsoleta e non tiene in nessun conto dell’istituto della riabilitazione e della condotta attuale del cittadino”.

Lo dichiara l’avvocato Pino Lanunziata che precisa e circostanzia le motivazioni della sentenza. “A seguito di una personale interpretazione restrittiva di una Circolare del Ministero dell’Interno, Dipartimento della Pubblica Sicurezza - esattamente la nr.557/LEG/225.00 del 28 nov. 2014 - la Questura di Foggia ha revocato o non rinnovato il porto di fucile per uso di caccia o per uso di tiro a volo a centinaia di cittadini che avevano riportato, anche in un passato remoto (nel caso di specie 40 anni fa), una sentenza ostativa al rilascio, anche in presenza di avvenuta riabilitazione ed una condotta postuma illibata”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Una interpretazione restrittiva e limitativa di un diritto. “Tale circolare si fondava unicamente su un parere del Consiglio di Stato e superato da sentenze postume del Consiglio di Stato. Il Tar Puglia riconosce che l’interpretazione della Circolare non tiene in nessun conto dell’Istituto della riabilitazione e della condotta attuale del cittadino, precisando che non si può trarre da tali vicende il carattere d’irreversibile permanenza del loro effetto ostativo, non superabile da alcuna situazione sopravvenuta, anche nella precipua materia della detenzione e dell’uso delle armi. Si mette così fine – conclude il legale - ad una serie di dinieghi al rinnovo od l rilascio di un’autorizzazione di polizia".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Virus più sfuggente, in Puglia "il tracciamento salta" ma il sistema sanitario regge: non si escludono singoli lockdown

  • Covid, verso il nuovo Dpcm: coprifuoco tra le 22 e 23. Rischiano la chiusura parrucchieri, estetisti, cinema e teatro

  • "Che ore sono?", poi scatta la violenza: in cinque aggrediscono ragazzo in centro. "Togli la mascherina quando parli con noi"

  • In serata il nuovo Dpcm Conte: stretta sulla movida e ipotesi coprifuoco. A rischio sport dilettantisti, cinema e teatro

  • Coronavirus, quattro 'zone rosse' e 5 amaranto in Capitanata. Focolai rsa e covid-positivi in più della metà dei comuni

  • Coronavirus: sfondata quota 350 contagiati in un giorno in Puglia. I nuovi positivi in Capitanata sono 89

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento