Non affitta casa a coppia gay, il caso di San Severo indigna Federalberghi: "Danno di immagine alla Puglia turistica"

Vibrante la denuncia Caizzi: "Gravi danni d'immagine alla Puglia turistica dall'episodio d'intolleranza di un host di Airbnb di San Severo. L'abusivismo ricettivo produce anche discriminazioni e negazione dei diritti"

L’abusivismo ricettivo produce anche discriminazione, negazione dei diritti civili e deleteri modelli di accoglienza. E’ l’amara verità che emerge dalla denuncia dell’Arcigay in merito a un episodio accaduto in Puglia, a San Severo (Fg), dove la proprietaria di un appartamento proposto in affitto su Airbnb ha negato la struttura a un giovane gay di Modena, liquidandolo con un lapidario «Non accetto due uomini. Accetto sempre in presenza di un'altra donna.» Si tratta di una grave presa di posizione che denota l’assoluta mancanza di una cultura dell’accoglienza, ma, soprattutto, una totale assenza di formazione professionale dei cosiddetti “host” della community del più grande portale online di appartamenti in affitto breve e b&b. Questi signori non sono quattro gatti, ma immettono sul mercato turistico pugliese oltre 115.000 posti letto, come sancito anche da una ricerca di Bankitalia dello scorso giugno. Solo il sistema alberghiero, seppur danneggiato dalla concorrenza sleale di costoro, continua a garantire, con la sua formazione continua e l’alta dose di professionalità, un’accoglienza di qualità che non ha mai prodotto né discriminazioni.
«Il grave episodio di San Severo firmato Airbnb – commenta Francesco Caizzi, presidente della Federalberghi Puglia – è la prova di quanto andiamo sostenendo da molto tempo rispetto al dannoso fenomeno dell’abusivismo ricettivo. Ora scopriamo che non si tratta soltanto di concorrenti sleali, evasori fiscali e furbetti improvvisati, ma di soggetti che fanno anche danni ancora peggiori alla civiltà dei diritti, alla dignità delle persone e alla reputazione dell’accoglienza del nostra popolo pugliese che è sempre stata ospitale e inclusiva. Al netto della grave violazione di diritti elementari sanciti dalla nostra Costituzione, rimarchiamo ancora una volta come l’episodio ci conduca direttamente alla discussione, che ci accompagna ormai da qualche anno, sui fenomeni di abusivismo che si sono insinuati in largo numero nelle maglie della cosiddetta sharing economy. Il portale di prenotazioni online Airbnb è il principale “imputato” per questa dannosa anomalia.»
« In Puglia, secondo il Report di Bankitalia – continua Caizzi – l’offerta turistico ricettiva di Airbnb è fatta da oltre 34.000 annunci (quasi 385.000 in Italia), corrispondenti ad altrettanti alloggi, per un totale di oltre 115.000 posti letto. La Federalberghi aveva divulgato dati equivalenti lo scorso anno, derivanti da un nostro studio nazionale, provocando l’apertura di un serrato dibattito tra i media, le istituzioni pubbliche, Agenzia delle Entrate e Guardia di Finanza, su questo fenomeno distorsivo e dannoso.»
« Da questi numeri  - conclude il leader degli albergatori pugliesi - si deduce che oltre 200mila host italiani hanno esercitato la propria attività in nero e senza alcun tipo di formazione professionale. Questi furbetti dell’appartamentino si sono arricchiti facendo concorrenza sleale agli operatori onesti, usando manodopera in nero, evadendo il Fisco, depauperando la comunità locale e, come nel caso di San Severo, provocando importanti danni di immagine e reputazione alla destinazione Puglia, che continua a occupare le prime posizione nelle varie rilevazioni mondiali sugli indici di preferenza, ma deve fare i conti su un fenomeno che, secondo lo studio della Mercury di Firenze, produce cinque turisti in nero a fronte di uno regolare.»

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sangue nel cuore della movida, colpita con i vetri di una bottiglia e sfregiata a vita: arrestata ragazza di 20 anni

  • Emiliano chiede la 'zona rossa' per la provincia di Foggia: "Qui massima gravità e livello di rischio alto"

  • Coronavirus: la Puglia resta in zona arancione

  • Finisce in carcere l'uomo che ha investito e ucciso Vincenzo Maffeo. Aveva portato a riparare il mezzo da un carrozziere

  • Sua moglie è positiva, lui è in isolamento ma va ugualmente a lavorare: segnalato al 112 e multato dai carabinieri

  • San Marco in Lamis sotto choc, comunità in lutto per Domenico: "Questo maledetto virus gli ha tolto la vita"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento