Foggiana rifiutata a Milano perché meridionale. "Voi come i neri e i rom". La Lega: "Salvini e il partito non c'entrano"

La denuncia di Deborah Prencipe, ragazza foggiana che vive a Milano, rifiutata per l'affitto di una casa perché del Sud. Le dichiarazioni di Vigiano e Cusmai della Lega di Foggia

Sta sollevando una valanga di indignazione ma anche un certo scetticismo l'episodio di razzismo occorso ad una ragazza foggiana, Deborah Prencipe, in quel di Milano dove, stando al racconto che lei stessa ha postato sulla sua pagina Facebook, allegando anche alcuni file audio a sostegno della veridicità del suo racconto, la proprietaria di un appartamento avrebbe negato di affittarlo alla ragazza perchè “razzista” e “contro i meridionali”. “Salviniana sfegata” si definisce la donna nell’audio whatsapp inviato a Deborah, autorizzandola  a pubblicarlo e a “scriverlo in grande”. Una sfrontatezza notevole a fronte di contenuti vergognosi che da un lato sta indignando il web, dall’altro sta creando una qualche perplessità. La stessa che esprimono in queste ore i segretari foggiani della Lega.

L'audio dei messaggi della "salviniana razzista"

Daniele Cusmai, segretario provinciale, commenta: “La Lega e Matteo Salvini non hanno nulla a che vedere con questa storia, anzi nelle prossime ore partiremo a centinaia dalla Capitanata, dalla Puglia e da tutto il Sud per essere a Pontida nella grande manifestazione che unisce Italiani provenienti da tutte le Regioni che credono nel progetto sovranista e identitario di Matteo Salvini. Per me sarà la quarta volta e non mi è mai capitato di avere atteggiamenti ostili dai leghisti del Nord. Purtroppo, se sarà verificata la veridicità dei fatti, sono comportamenti singolari che si commentano da soli e che vengono fomentati per attaccare questa parte politica che non ha nulla a che vedere con atteggiamenti simili”.

“Spero di parlare quanto prima con la vittima di questo grave episodio, a dire il vero ancora dai contorni incerti, per esprimerle la mia solidarietà sia personale che di segretario cittadino della Lega di Foggia” dice Antonio Vigiano. Che aggiunge: “Spero che non si vogliano enfatizzare questi vergognosi episodi in danno della Lega e di Matteo Salvini. Episodi che nulla hanno a che fare con la nostra politica messa in campo sui territori, ma frutto unicamente della stupidità di qualche persona razzista, che non può essere associata ad alcun colore politico”.

Nel frattempo Laura, compagna di Deborah, su Facebook si rivolge a chi sostiene che possa trattarsi di una fake news: "I dati sensibili non sono stati diffusi perché dalla parte del torto non ci vogliamo passare, ma la conversazione, il numero, il nome e il cognome della signora, tutte le email con la bozza di contratto ci sono e daremo tutto questo a chi di competenza e di certo non in pasto alla gogna mediatica. Perché noi non siamo come loro"

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mazzi di fiori, lacrime e dolore per Teresa, Miriana e Valentina (il Comune penserà ai funerali): città incredula per l'insano gesto di Ciro

  • Macabra scoperta nel Foggiano: recuperato un corpo carbonizzato dentro un'auto, vittima di un incidente stradale

  • Arrestati Angelo e Napoleone Cera: sono accusati di concussione

  • Maxi furto nel caveau dell'Unicredit a Foggia: svaligiate 300 cassette di sicurezze ma non ci sarà nessun colpevole

  • Coro ai diffidati e 'Quarta Mafia', Pio e Amedeo sbottano: "Ci siamo rotti le palle della facilità di giudizio sulla nostra terra"

  • "Addio Costanzo", il dirigente medico del Pronto Soccorso sempre al servizio dei pazienti: "Era un professionista esemplare"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento