rotate-mobile
Domenica, 16 Gennaio 2022
Cronaca

La Procura chiede il rinvio a giudizio per il direttore della centrale operativa del 118

Contro “l’apparente incongruenza tra la partecipazione a un corso e i turni di lavoro del dottor Colelli”, aveva presentato ricorso Vincenzo Colapietro difeso dall’avvocato Michele Vaira, che aveva, appunto, interessato le autorità competenti per fugare ogni dubbio

La Procura di Foggia ha chiesto il rinvio a giudizio per Stefano Colelli, il medico rianimatore che dall’aprile scorso dirige la centrale operativa del 118 della provincia di Foggia.

E’ indagato perché in qualità di dirigente medico in servizio presso la S.C. di Anestesia e Rianimazione del policlinico Riuniti, nel curriculum vitae allegato alla domanda di partecipazione al concorso bandito dall’azienda ospedaliera-universitaria per il conferimento dell’incarico di direttore, avrebbe dichiarato di aver partecipato il 16 e 17 febbraio 2019 a un corso di formazione a Carinaro. Nell’avviso di conclusione delle indagini preliminari, si legge che “attestava falsamente fatti dei quali l’atto è destinato a provare la verità, atteso che il pomeriggio del giorno 16 dalle ore 13.06 alle ore 20.06 e la mattina del giorno 17 dalle ore 7.45 alle ore 13.51, risultava in servizio presso gli ospedali Riuniti, così inducendo in errore i membri della commissione del concorso che con verbale del febbraio 2021 assegnavano 0,10 punti per il corso”.

Contro “l’apparente incongruenza tra la partecipazione a un corso e i turni di lavoro del dottor Colelli”, aveva presentato ricorso Vincenzo Colapietro difeso dall’avvocato Michele Vaira, che aveva, appunto, interessato le autorità competenti per fugare ogni dubbio. Il direttore della centrale operativa del 118, sulla scorta della valutazione dei titoli e del colloquio e un punteggio di 51,50, emersi nell’avviso pubblico per l’incarico quinquennale, aveva avuto la meglio su Vincenzo Colapietro e Domenico Lasorsa, piazzatisi rispettivamente secondo e terzo con i punteggi di 48,80 e 43,50. Le presunte anomalie erano state denunciate dall’europarlamentare del Movimento 5 Stelle Mario Furore.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Procura chiede il rinvio a giudizio per il direttore della centrale operativa del 118

FoggiaToday è in caricamento