"Rara e dubbia presentazione clinica" del nascituro. La direzione del 'Riuniti' precisa: "Nessun abbaglio, adottata la corretta procedura"

Nel caso specifico, "si è reso necessario effettuare una specifica indagine genetica per l’identificazione del cariotipo, per la tutela del neonato stesso e della famiglia. Pervenuta la risposta e sono stati informati i genitori"

Immagine di repertorio

In merito alla notizia di stampa comparsa in data odierna, si segnala che i familiari erano stati informati della problematica del nascituro.

Il neonato, del peso di circa 890 grammi, al momento della nascita mostrava una rara e dubbia presentazione clinica. Pertanto si è reso necessario effettuare una specifica indagine genetica per l’identificazione del cariotipo, per la tutela del neonato stesso e della famiglia. In data 9 agosto è pervenuta la risposta e sono stati prontamente informati i genitori dei risultati.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sangue nel cuore della movida, colpita con i vetri di una bottiglia e sfregiata a vita: arrestata ragazza di 20 anni

  • Emiliano chiede la 'zona rossa' per la provincia di Foggia: "Qui massima gravità e livello di rischio alto"

  • Coronavirus: la Puglia resta in zona arancione

  • Finisce in carcere l'uomo che ha investito e ucciso Vincenzo Maffeo. Aveva portato a riparare il mezzo da un carrozziere

  • Sua moglie è positiva, lui è in isolamento ma va ugualmente a lavorare: segnalato al 112 e multato dai carabinieri

  • San Marco in Lamis sotto choc, comunità in lutto per Domenico: "Questo maledetto virus gli ha tolto la vita"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento