menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
I reperti archeologici recuperati

I reperti archeologici recuperati

Blitz in Germania: recuperati reperti archeologici trafugati in Puglia

Recuperato un prezioso cratere a volute a figure rosse, risalente al IV sec.a.C, risultato provento di furto avvenuto nel 1998 in provincia di Foggia ai danni di un privato cittadino

Nei giorni scorsi i carabinieri del Nucleo Tutela Patrimonio Culturale di Bari, supportati dalla Sezione Operazioni del Comando CC TPC Roma, ed in collaborazione con il Servizio INTERPOL, si sono recati in Germania per rimpatriare numerosi reperti archeologici, trafugati illecitamente dal territorio nazionale.

Si tratta, in particolare, di sei crateri a campana a figure rosse, un askos e una pelike a figure rosse, un’olla acroma, un kantharos a vernice nera, tre antefisse, 20 monete ed alcuni frammenti in metallo, tutti risalenti al III- IV sec. a.C.  

I beni sono stati recuperati a seguito di una rogatoria internazionale in Germania, emessa dalla Procura della Repubblica di Bari, che ha permesso l’esecuzione di una perquisizione a carico di un cittadino tedesco coinvolto in un traffico di reperti archeologici che dall’Italia si estendeva verso la Spagna, il Lussemburgo e la Germania. Le indagini avevano già permesso di individuare un’associazione per delinquere finalizzata alla ricettazione ed allo scavo clandestino di reperti archeologici nelle aree vincolate della Puglia e della Basilicata.

Nella stessa circostanza, è stato anche recuperato un prezioso cratere a volute a figure rosse, risalente al IV sec.a.C, considerato di eccezionale interesse artistico, storico ed archeologico, risultato provento di furto avvenuto nel 1998 in provincia di Foggia ai danni di un privato cittadino e restituito allo Stato Italiano da un museo tedesco che lo aveva ricevuto in dono nel 2004 e che, avendone appreso la provenienza delittuosa, ha fornito la massima collaborazione per il rimpatrio.  

Il cratere fa parte di una ricca collezione privata che riunisce importanti reperti archeologici, testimonianza di antichi insediamenti nel territorio pugliese. Il cospicuo patrimonio culturale – del valore di circa 300mila euro - trafugato dall’Italia ed esportato illecitamente all’estero, sarà restituito alla Soprintendenza per i Beni Archeologici per la pubblica fruizione ed agli aventi diritto.

 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La Puglia in bilico tra il giallo e l'arancione

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FoggiaToday è in caricamento