Mercoledì, 20 Ottobre 2021
Cronaca San Severo

Assaltano tir e auto come in un film: sequestrano conducenti, arriva la GdF e il colpo fallisce

E’ quanto accaduto ieri pomeriggio sulla A14 in agro di San Severo. Liberati dalla Guardia di Finanza, ma sotto shock, l’autotrasportatore e il dipendente di un istituto di vigilanza

Nel tardo pomeriggio di ieri una pattuglia della Guardia di Finanza di Foggia, mentre percorreva l’autostrada A/14, nei pressi dello svincolo di San Severo, notava un tir fermo in una piazzola di emergenza, preceduto e seguito da un’Audi A6 di colore scuro e da una Fiat Panda Rossa. Insospettiti dalle circostanze, i militari arrestavano la propria marcia ad una distanza tale da poter controllare i movimenti dei veicoli sospetti. Successivamente, notavano che il tir, scortato dalle due autovetture, usciva dallo svincolo autostradale di San Severo cercando di far perdere le loro tracce.

La pattuglia della GdF, superava lo svincolo e prendeva la Statale 272 in direzione di San Marco in Lamis. Qui, dopo aver acquisito il contatto visivo con il tir ed aver chiesto l’intervento di rinforzi, continuava a controllare i movimenti dei due veicoli. Dopo qualche minuto i militari operanti notavano il mezzo percorrere la 272 in senso opposto al loro senso di marcia, seguito da una delle due autovetture procedere ad altissima velocità.

GDF TIR-2

Invertita il senso di marcia, la pattuglia si metteva prontamente all’inseguimento dell'autoarticolato trovandolo dopo pochi chilometri fermo e abbandonato sul ciglio della strada. Sul posto intervenivano anche pattuglie della Compagnia della Guardia di Finanza di San Severo, del Reparto Prevenzione Crimine della Polizia di Stato di Bari, della Polizia Stradale di Foggia e personale della Polizia Scientifica della Questura di Foggia per i rilievi sull’automezzo rapinato.

Le immediate attività di ricerca consentivano di rintracciare in un terreno limitrofo la Fiat Panda – risultata essere di proprietà dell’istituto di vigilanza che scortava il camion – nonché l’autista dell’autocarro ed il vigilante, che riferivano di essere stati affiancati da due autovetture e sotto la minaccia di fucili automatici (presumibilmente kalashnikov) di essere stati costretti a fermarsi e a scendere dai propri mezzi, per poi essere incappucciati e caricati a bordo delle autovetture dei rapinatori.

Il tir trasportava oltre 15 tonnellate di sigarette di note marche, che saranno restituite al deposito fiscale di Bari ove erano destinate, dal valore commerciale di oltre 2 milioni di euro. Sono in corso le indagini, coordinate dalla Procura della Repubblica di Foggia, finalizzate a ricostruire l’esatta dinamica dei fatti nonché ad identificare gli autori dell’efferata rapina.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Assaltano tir e auto come in un film: sequestrano conducenti, arriva la GdF e il colpo fallisce

FoggiaToday è in caricamento