menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Immagine di repertorio

Immagine di repertorio

Danno passaggio a una "donna", ma è un trans: non accettano le avances sessuali e vengono rapinati

Brutta avventura, ieri sera, per due giovani foggiani "agganciati" da un uomo di 33 anni in piazzale Vittorio Veneto con la scusa di un passaggio a casa

Chiede un passaggio a due ragazzi, poi avanza loro avance sessuali; al rifiuto ottenuto, estrae un coltello e gli porta via un bracciale in oro. E' la rapina avvenuta la scorsa notte, a Foggia, al quartiere Cep, dove gli agenti delle 'Volanti' hanno individuato e denunciato in stato di libertà per rapina un trans foggiano di 33 anni.

La polizia è stata allertata dalle vittime, due ragazzi uno dei quali ancora minorenne. Il maggiore dei due, di 22 anni, ha riferito agli operatori che, mentre era a bordo della sua auto con l'amico, ha notato in piazza Vittorio Veneto notavano una ragazza alta con un abito corto, che li ha fermati chiedendo un passaggio a casa.

All’interno dell’abitacolo i due si sono resi conto che, in realtà, si trattava di un uomo, e che lo stesso stesse facendo avance sessuali nei loro confronti. Al loro netto rifiuto, però, lo stesso ha estratto un coltello dalla borsetta e, sotto la minaccia dello stesso, prima ha chiesto dei soldi, poi si è "accontentato" del bracciale in oro indossato da uno dei minorenni.

Strappato il monile, il trans è uscito dall'auto scappando per le strade del quartiere Cep, dove nel frattempo l'auto si era diretta. Gli agenti intervenuti hanno perquisito l'abitazione della persona indicata dalle vittime, senza però recuperare nulla. Il 33enne è stato comunque denunciato in stato di libertà all’Autorità Giudiziaria, per la trascorsa flagranza.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FoggiaToday è in caricamento