Cronaca Cerignola

Rapinano banca e scappano su un’ambulanza vestiti da infermieri: arrestati cerignolani

La rapina è avvenuta ieri mattina a Sant’Egidio alla Vibrata. Il bottino, recuperato, ammonta a 18mila euro. L’ambulanza era stata rubata a Orta Nova. Indossavano la tuta dei volontari del soccorso

Sono tutti di Cerignola i banditi che ieri hanno messo a segno un colpo alla filiale di Sant’Egidio alla Vibrata nel teramano, fuggendo poi a bordo di un’ambulanza rubata il giorno prima ad Orta Nova. Si tratta di Pasquale Di Tommaso, 23 anni, Stefano Biancolillo, 22, Domenico Bellomo, 34, Matteo Martinadonna, 21 e Michele Cotugno, 23, tutti con precedenti penali. L'accusa mossa nei loro confronti è quella di rapina aggravata, ma alcuni di loro, avendo picchiato il direttore e due dipendenti, dovrebbero essere accusati anche di lesioni. Il pm titolare dell'inchiesta, Stefano Giovagnoni, dovrebbe svolgere l'interrogatorio di garanzia giovedì mattina.

Il bottino, recuperato nelle campagne di Colleranesco, ammonta a 18mila euro. All'operazione hanno partecipato 30 umoni tra carabinieri, polizia stradale, Polfer e squadra mobile. L'auto utilizzata durante il primo tratto è stata ritrovata a Santa Croce di Civitella del Tronto da dove, presumibilmente, i malvivneti sono saliti sull'ambulanza.

Due dei cinque banditi che sedevano alla guida e sul lato passeggeri indossavano la tuta di "Orta Nova Soccorso". Uno dei tre che hanno messo a segno la rapina in banca, nella fuga, ha perso una scarpa da tennis mentre l'altra è stata rinvenuta nell'auto rubata. Braccarli non è stato semplice, ma fortunatamente ha funzionato il lavoro sinergico e coordinato delle centrali operative di carabinieri e polizia.

I banditi, viste le sirene ed il carosello delle auto di polizia e dell’arma dei carabinieri, si sono ficcati  in un vicolo cieco nella zona industriale di Colleranesco, dove hanno abbandonato l'ambulanza tentando invano la fuga a piedi ma, uno alla volta. Da Civitella la banda aveva percorso in ambulanza la Fondovalle del Salinello, per poi imboccare la Statale 16 a Giulianova e successivamente Statale 80, dalla quale avrebbero dovuto prendere l'A14.

I rapinatori, sperando di passare inosservati con la tuta dei volontari del soccorso e su un'ambulanza, sono stati invece notati da alcuni passanti per la guida spericolata con cui hanno attraversato alcune vie abitate. Passamontagna, taglierini, avevano conservato anche lo scontrino degli acquisti fatti in Puglia, guanti e parrucca, sono stati sequestrati

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rapinano banca e scappano su un’ambulanza vestiti da infermieri: arrestati cerignolani

FoggiaToday è in caricamento