rotate-mobile
Mercoledì, 29 Giugno 2022

Psicosi da morso del 'Ragno violino'. Il Centro Antiveleni di Foggia: "Non possiamo dire che uccide"

La notizia della morte di una donna a Gabicce in seguito al presunto morso di un ragno violino, ha destato all'allarme in tutta Italia

Morire in seguito al morso di un ragno violino è pressoché impossibile, non si muore direttamente per il veleno che inietta. Tuttavia la notizia della morte di una donna di Gabicce, che nelle settemane precedenti al decesso sarebbe stata morsa per ben due volte dal ragno violino, ha destato allarme in tutto lo Stivale.

Come spiega il dottor Alexandros Charitos, dirigente medico del Centro Antiveleni del Policlinico Riuniti di Foggia, l’aracnide non sarebbe letale, almeno rispetto ai casi riscontrati. "Non possiamo dire che può uccidere, non possiamo creare allarmismo". In Puglia ci sono stati 46 casi di persone morse dal ragno violino e in nessun caso si sono registrati decessi. Al momento in Italia c'è un solo caso, avvenuto nel 2015, ma il decesso non era dovuto direttamente al veleno iniettato dal ragno violino. In seguito al morso, sulla parte interessata, nella peggiore delle ipotesi, potrebbero crearsi delle ulcere.

Dove si trova il ragno violino

Di piccole dimensioni - tra 7 e 10 millimetri - l'insetto di colore marrone, tendente al giallognolo, normalmente è possibile trovarlo nei luoghi appartati e protetti, come per esempio i solai o le scarpe (può accadere che il ragno si rifugi in casa e si nasconda all'interno di piccole crepe nel muro, fra le pietre, dietro ai battiscopa, sotto a mobili o scatoloni, oppure all'interno di scarpe o indumenti o biancheria per la casa, come guanti, calze, lenzuola. 

Quali sono i sintomi 

Il suo morso, che è indolore ma al contempo molto velenoso, è difficile da percepire: i primi sintomi compaiono solamente dopo qualche ora o addirittura entro due giorni dalla puntura. Irritazione, arrossamento, gonfiore, comparsa di eritemi, bruciore e formicolio, prurito, dolore di tipo urente, gonfiore e arrossamento, prurito, bruciore e formicolio, diminuzione della sensibilità nell'area colpita, febbre alta, nausea e vomito, brividi, mialgia e artralgia, mal di testa, emolisi e trombocitopenia. Questi i possibili sintomi.

A chi rivolgersi

Nei casi in cui compaiano gli ultimi sintomi è meglio chiamare il CAV o dirigersi verso una struttura ospedaliera per ricevere tutte le cure del caso (farmaci analgesici, oppioidi, farmaci corticosteroidi, antistaminici, trattamento chirurgico per rimuovere l'area necrotica).

Cosa fare 

Cosa fare in caso di morso: lavare la ferita con acqua e sapone, non applicare disinfettanti aggressivi, comprimere l'area morsa e, se sono coinvolti arti, mantenerli sollevati, evitare di incidere sul sito dove è presente il morso, prestare attenzione alla comparsa di qualunque altro sintomo e se i sintomi persistono, consultare un medico per la somministrazione di farmaci

Come prevenire

Come prevenire il morso: indossare qualcosa di protettivo quando si è in ambienti nei quali ci potrebbe essere l'incontro con il ragno violino, fare attenzione quando si rimuovono ragnatele o tane di ragni, non prendere mai il ragno violino a mani nude: come detto prima potrebbe sentirsi minacciato ed difendersi mordendo, per rimuoverli o eliminarli dalle abitazioni è sempre meglio utilizzare scopa e paletta

Sullo stesso argomento

Video popolari

Psicosi da morso del 'Ragno violino'. Il Centro Antiveleni di Foggia: "Non possiamo dire che uccide"

FoggiaToday è in caricamento