Cronaca Croci

"Dobbiamo sistemare il contatore", ma era una scusa: anziano derubato in casa

Un raggiro confezionato ad arte, quello avvenuto ieri, ai danni di un anziano, in zona Borgo Croci. La vittima derubata di 3mila euro da un finto dipendente Enel

Tecnicamente non è stata una truffa, ma un raggiro confezionato ad arte. E’ quello avvenuto nella giornata di ieri, ai danni di un anziano, in zona Borgo Croci, a Foggia. Secondo quanto ricostruito dagli agenti della Sezione Volanti di Foggia, erano da poco passate le 13 quando un giovane di circa 30 anni e dall’aspetto curato si è presentato alla sua porta spacciandosi per un dipendente dell’Enel “incaricato di visionare il contatore a causa di una anomalia nel funzionamento”.

L’uomo indossava una camicia chiara e un pantalone scuro, l’accento era locale. Con l’aiuto della vittima, l’uomo ha finto di visionare il contatore, posizionato nei pressi della camera da letto; poi, approfittando di un momento di distrazione dello stesso, ha agguantato un portafogli contenuto in un cassetto ed è fuggito via salutando cordialmente. Solo in un secondo momento la vittima si è accorta del raggiro subito e ha raccontato l’accaduto ad alcuni familiari che hanno immediatamente allertato la polizia. Il bottino è di circa 3000 euro. Indagini in corso.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Dobbiamo sistemare il contatore", ma era una scusa: anziano derubato in casa

FoggiaToday è in caricamento