menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Mario della Cioppa

Mario della Cioppa

Battuta d'arresto per i 'Sinesi-Francavilla', il questore: "Stroncata sul nascere la batteria emergente dei fratelli Frascolla"

Così, il questore di Foggia, Mario della Cioppa, a margine della conferenza stampa relativa all'operazione siglata all'alba di oggi dalla squadra mobile, che con il coordinamento della Direzione Distrettuale Antimafia di Bari, ha sgominato il clan 'Sinesi - Francavilla' mettendo a segno 8 arresti per i reati di estorsione aggravata, acquisto e detenzione di materiale esplodente.

“Con la operazione di questa mattina, la Polizia di Stato ha inferto un ennesimo durissimo colpo alle consorterie mafiose di Foggia, di fatto completando l’attività di repressione iniziata lo scorso anno e culminata nell’operazione 'DecimAzione', quando furono decapitate le batterie dominanti della 'Società Foggiana', arrestando vertici e sodali delle stesse".

Intercettazioni e arresti: il video

Così, il questore di Foggia, Mario della Cioppa, a margine della conferenza stampa relativa all'operazione siglata all'alba di oggi dalla squadra mobile, che con il coordinamento della Direzione Distrettuale Antimafia di Bari, ha sgominato il clan 'Sinesi - Francavilla' mettendo a segno 8 arresti per i reati di estorsione aggravata, acquisto e detenzione di materiale esplodente. "Questa volta è stato il turno di una batteria emergente, facente capo ai fratelli Frascolla, che stava tentando di imporre una nuova stagione di estorsioni, avvalendosi del vincolo di appartenenza al gruppo mafioso dei Sinesi, di cui facevano parte - puntualizza il questore - approfittando del vuoto lasciato dalle batterie predominanti, rese inermi dallo Stato nei mesi scorsi".

"Non ci sono riusciti perché lo Stato è vigile su questo territorio, proseguirà l’opera di totale pulizia da criminali per restituire libertà e sicurezza alla collettività di questa provincia. Un ringraziamento particolare va fatto non solo alla Squadra Mobile del dirigente Antonio Tafaro e, prima di lui, di Roberto Pititto, che hanno lavorato in maniera altamente professionale, ma anche alla Direzione Distrettuale Antimafia di Bari ed al Procuratore Volpe che hanno dimostrato, anche in questa occasione, l’assoluta attenzione alla provincia di Foggia. Noi siamo sicuri che queste operazioni che concretamente riscontrano l’impegno delle Forze di Polizia e della Magistratura su questo territorio, siano volano perché tutta la società civile si faccia sempre più parte attiva nella lotta e nel contrasto di ogni forma di criminalità”

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Si può andare a caccia e in un altro comune: per la Regione è “stato di necessità” per l’equilibrio faunistico-venatorio

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FoggiaToday è in caricamento