rotate-mobile
Cronaca Centro - Stazione / Viale XXIV Maggio

Aggressioni, furti, rapine e scarso senso civico: i residenti del quartiere ‘Ferrovia’ hanno paura

La vivibilità del quartiere Ferrovia è stata oggetto di un incontro tra il sindaco di Foggia, l'assessore Amorese e l'associazione 'Amici del Viale'

La presenza costante e quotidiana degli agenti di polizia municipale e l’installazione di alcune telecamere di sicurezza non si sono rivelati sufficienti a garantire un adeguato livello di sicurezza in uno dei quartieri più discussi di Foggia, passato nel giro di un ventennio da cuore pulsante della città a periferia senza regole, da simbolo della resistenza durante i bombardamenti del ’43 a ritrovo di ubriachi e prostitute.

Lo scarso senso civico è stato oggetto di un incontro avvenuto questa mattina a Palazzo di Città tra Landella, Amorese e i rappresentanti dell’associazione ‘Amici del Viale, che hanno denunciato l'insicurezza percepita ed il senso di paura e minaccia che opprime il quieto vivere delle famiglie. Insicurezza che appena qualche giorno fa è sfociata in una aggressione ed un tentativo di rapina ai danni di un dentista in via Isonzo.

DAL QUARTIERE 'FERROVIA' SCAPPANO TUTTI

Questo il commento di Franco Landella a margine della riunione: “Ho informato l'associazione di aver attenzionato il ministero degli Interni della situazione che vive la città di Foggia, in cui si riversano le centinaia di persone che risiedono nei pressi del Centro di Accoglienza per richiedenti Asilo di Borgo Mezzanone, a cui è stato rifiutato lo status di rifugiato politico. Gli strumenti a disposizione dei comuni sono limitati sul fronte della sicurezza, ma ciò nonostante abbiamo predisposto un presidio fisso di vigili urbani in via Podgora e via Isonzo, in cui si concentrano numerosi stranieri, sia nelle ore diurne che serali. Abbiamo ascoltato con attenzione le proposte ed i suggerimenti che ci sono giunti dall'associazione, a cui va il mio grazie per la fattiva collaborazione dimostrata nel cercare di risolvere la questione e per cercare di ridare dignità ad un quartiere che era il biglietto da visita della nostra città”.

Roberta Apicella e Maria Luisa De Niro, rispettivamente presidente e vicepresidente dell'associazione "Amici del viale", hanno chiesto uno spazio in cui le associazioni dei cittadini possono incontrarsi per discutere e programmare alcune iniziative per rendere più vivibile l’intera area.

Ha dichiarato l'assessore alla Sicurezza del Comune di Foggia, Claudio Amorese: “Non abbassiamo il livello di attenzione sul quartiere Ferrovia. Stiamo studiando ulteriori manovre anche per un sistema di incentivi in favore della valorizzazione commerciale della zona. Inoltre, in questi giorni stiamo procedendo al montaggio del sistema di videosorveglianza, di recente implementato. Si stanno effettuando le opere civili per poi passare alla vera e propria installazione delle telecamere e configurazione logica dell'intero sistema”.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Aggressioni, furti, rapine e scarso senso civico: i residenti del quartiere ‘Ferrovia’ hanno paura

FoggiaToday è in caricamento