Allarme Punteruolo rosso: 26 casi accertati in Capitanata

San Seveso è il paese più colpito dall'insetto che attacca e uccide le piante. Si registrano segnalazioni anche a Trinitapoli, Vieste e Apricena

Una palma colpita dal punteruolo rosso

Portata a conoscenza del grande pubblico da "Striscia la notizia", la piaga del Rhynchophorus Ferrugineus - meglio noto come Punteruolo rosso - rischia di mettere in serio allarme anche la  Capitanata. Ventisei i casi registrati dall’Ufficio Provinciale dell’Agricoltura di Foggia, che segnala ben 20 piante infestate a San Severo (il comune più colpito), 2 a Trinitapoli e, più di recente, 4 nella frazione balneare di Ippocampo. Ma sotto attacco sarebbero anche i comuni di Vieste ed Apricena.

L'INCONTRO. Il punto è stato fatto presso il Centro per la Cerealicoltura (ex Istituto sperimentale) di Foggia. Un incontro-dibattito con tutti i sindaci della provincia promosso dal dirigente dell’Ufficio Provinciale dell'Agricoltura, Antonio Ursitti, supportato dalla collaborazione del responsabile del Servizio di Sviluppo Agricolo e Divulgazione, Luciano Ciciretti, a cui ha partecipato anche il dirigente dell'ufficio fitosanitario regionale, Antonio Guario, allo scopo di prevenire e frenare la diffusione del dannoso coleottero che tanto panico sta seminando nelle regioni del Sud e preservare, così, lo stato vegetativo delle piante che, com’è purtroppo oramai noto, una volta attaccate, difficilmente si riescono a salvare.

IL PUNTERUOLO ROSSO. Originario dell’Asia meridionale, il punteruolo rosso vive prevalentemente all’interno dello stipite della palma che, se infestata, viene infatti letteralmente distrutta. Il sintomo più evidente è l’afflosciamento delle foglie. Considerato che difficilmente è possibile debellare l’insetto quando è già penetrato nell’interno del tronco della pianta ospite, la lotta si deve basare su interventi di profilassi di carattere preventivo e nell’individuare i possibili focolai. Ad oggi nei nostri ambienti non è nota alcuna azione di controllo. Uno dei fattori che possono limitare la diffusione del coleottero è rappresentato dall’abbattimento tempestivo delle piante irrimediabilmente compromesse o morte e dall’immediata distruzione.

Chiunque accerti la presenza di una palma sospetta di attacchi da parte del punteruolo, ha l’obbligo di avvertire il Servizio Fitosanitario Regionale o gli Uffici Provinciali Agricoltura competenti per territorio o gli Uffici tecnici del proprio comune, indicando luogo od indirizzo dell’ubicazione della palma.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Blitz antimafia a Foggia. Smantellato traffico di droga: 16 arresti, tra cui uomini della 'Società'

  • Coronavirus, l'avanzata dei contagi preoccupa la Puglia: "Si deve uscire solo per lavorare, istruirsi o altre gravi necessità"

  • Coronavirus, ordinanza di Emiliano sulle scuole: da lunedì sospese le lezioni in presenza per le ultime tre classi

  • Ecco la bozza del nuovo Dpcm: bar e ristoranti chiusi alle 18. Stop a palestre e piscine

  • 423 contagiati a Foggia, Landella firma l'ordinanza: vie e piazze della movida "chiuse" dopo le 21 nel fine settimana

  • La 'Società Foggiana' messa spalle al muro: 16 arresti. Duro colpo al narcotraffico della rete criminale del 'Primitivo'

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FoggiaToday è in caricamento