I liceali di Cagnano protestano: “Giusto accogliere gli alunni della ‘D’Apolito’ ma non vogliamo essere sfrattati”

Gli alunni del liceo locale temono che il trasferimento degli alunni della scuola media – dichiarata inagibile – comporti una riduzione degli spazi. A rischio anche il laboratorio di chimica

A Cagnano la situazione resta calda, dopo l’ordinanza di inagibilità parziale della scuola media ‘D’Apolito’, e la contestuale decisione da parte del sindaco del comune garganico Claudio Costanzucci, di trasferire gli studenti e gli uffici amministrativi presso il Liceo ‘De Rogatis-Fioritto’.
Decisione che ha scatenato la protesta degli studenti del Liceo che hanno manifestato davanti alla sede del Comune. In una nota pubblicata dai rappresentanti del Liceo, gli studenti precisano che la loro protesta non coinvolge i ragazzi della scuola media (“cui esprimiamo la nostra solidarietà”), ma il timore di una divisione sbagliata degli spazi.  

I liceali del ‘De Rogatis-Fioritto’ si dicono disposti a condividere “momentaneamente spazi e ambienti. Comprendiamo l’amarezza dei ragazzi e docenti nel vedersi ‘hic et nunc’ la propria scuola chiusa in un momento particolare dell’attività, a seguito di un’ordinanza sindacale che la dichiara inidonea per la sicurezza”.

Insomma, porte aperte per i “fratellini e sorelline” della ‘D’Apolito’, “ma non possiamo essere trattati come esseri insulsi e inesistenti. Abbiamo chiesto semplicemente una suddivisione diversa degli spazi da condividere. Non Muri, ma condivisioni orizzontali”.

“Il nostro Liceo, considerato scuola di eccellenza, è stato sovradimensionato per offrire una maggiore offerta formativa visto che la maggioranza dei nostri compagni ogni mattina si sposta nei paesi limitrofi per frequentare altri indirizzi. Il nostro dirigente scolastico ha più volte richiesto l’attivazione di un istituto tecnico-professionale legato al territorio, ma non è mai stato ascoltato”, aggiungono gli studenti.

I ragazzi chiedono strumenti per crescere “come avviene negli altri paesi (aiutati da politici attenti e sensibili) che hanno ottenuto altri indirizzi al fine di creare nuove prospettive future per i ragazzi della scuola media e la crescita del paese. La nostra protesta non è fine a se stessa, ma è motivata dalla necessità che la nostra cittadina si sviluppi. La crescita di un territorio è legata alla presenza di popolazione culturalmente attiva. Non vogliamo precludere l’ampliamento dell’offerta formativa”.

Gli studenti del Liceo pongono l’attenzione sulla distribuzione degli spazi che, tra le altre cose, potrebbe portare alla eliminazione del laboratorio di chimica: “Assegnare buona parte degli spazi dell’istituto alla scuola media distruggendo il laboratorio di chimica costato circa 100mila euro per allocare gli uffici amministrativi che potrebbero essere allocati in strutture alternative è una violazione al nostro diritto allo studio. Siamo solidali con i nostri fratellini e sorelline, ma la costruzione della scuola media, dichiarata inagibile, richiede tempi lunghissimi e l’accoglienza sarà transitoria. Vogliamo accogliere e dare una mano, ma non essere sfrattati e limitati nel nostro diritto allo studio”.

Potrebbe interessarti

  • Il fascino di Càlena, l'abbazia sul Gargano dove si narra vi sia custodito il tesoro di Barbarossa

  • La grotta di San Michele che si specchia sul lago di Varano, un luogo suggestivo che trasmette una sensazione di pace

  • Colon irritabile: cos'è, sintomi e possibili cause

  • Arredare casa: le 5 piante da interno che non hanno bisogno di luce

I più letti della settimana

  • Francesco Ginese non ce l'ha fatta: è morto a Roma

  • Tragedia nelle acque del Gargano: bagnante muore annegato

  • Tragedia nel Foggiano: morta 11enne, genitori ricoverati in gravi condizioni a San Giovanni Rotondo

  • Tragedia alle porte di Foggia, violento impatto tra un furgone e una moto: c'è una vittima

  • Tutta Foggia è con Francesco, che lotta tra la vita e la morte: si è reciso l'arteria femorale mentre scavalcava un cancello

  • Foggia in lacrime per la tragica morte di Francesco: "Addio amico mio, non doveva finire così!"

Torna su
FoggiaToday è in caricamento