Cronaca

Licei musicali in rivolta, protesta al Poerio di Foggia: “Non toccate i nostri docenti”

Questa mattina tutti i licei musicali d’Italia hanno suonato come una sola orchestra nell’ambito della manifestazione di protesta ‘Chi fermerà la musica’

Licei musicali in rivolta. Dalle nove di questa mattina anche il Poerio di Foggia ha manifestato contro le recenti norme che di fatto mettono in ginocchio i docenti di ruolo e non, delle materie musicali e coreutiche, che dal prossimo anno perderanno la possibilità di continuare ad insegnare perché impossibilitati a partecipare al concorso: “Chiediamo che da parte del ministero dell’Istruzione e ai sindacati siano intraprese tutte le azioni necessarie alla tutela della qualità dell’insegnamento e al riconoscimento delle professionalità acquisite”.

Questa mattina tutti i licei musicali d’Italia hanno suonato come una sola orchestra nell’ambito della manifestazione di protesta ‘Chi fermerà la musica’, oggetto anche di una petizione su change.org. Si leggono sugli striscioni affissi all’ingresso del liceo Poerio: “Siete indecenti non toccate i nostri docenti’, ‘Giù le mani salviamo il domani’ o ‘I nostri maestri di musica e di vita”.

Spiega il gruppo dei docenti musicali: “Il Governo ed il ministero dell’Istruzione proclama l’assunzione di oltre 63mila nuovi docenti, di cui 1665 nei licei musicali e coreutici, ma non dice che ne rimanderà a casa oltre 4mila dagli stessi licei, nonostante che questi ci abbiano lavorato, maturato esperienza e aiutato a far crescere velocemente, in poco più di cinque anni, abbreviando di molto la fase di sperimentazione didattica, grazie alle loro competenze e anni di insegnamento pregresso, con conseguente risparmio anche della spesa pubblica. Come pure non dicono come recluteranno il restante numero”.

Gallery

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Licei musicali in rivolta, protesta al Poerio di Foggia: “Non toccate i nostri docenti”

FoggiaToday è in caricamento