menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto di Aky Il Grande

Foto di Aky Il Grande

Protesta allo Zaccheria: lavoratori smontano recinzione stadio, poi la ripristinano

La protesta dei lavoratori della Gaia Costruzioni, ditta alla quale il Comune deve 220mila euro per i lavori allo stadio. L'avv. Alfonso Buono: "Siamo in attesa di una possibile convocazione presso l'ufficio di Gabinetto"

La crisi morde e a pagarne le spese sono soprattutto le imprese foggiane. Dopo il caso della ditta Tucci, questa mattina a montare la protesta, in via Gioberti, sono stati i lavoratori della Gaia Costruzioni, ditta alla quale spetterebbero circa 220mila euro dal Comune di Foggia, quale differenza per i lavori eseguiti all’esterno dello stadio comunale.

Per questo motivo, alle prime ore del mattino, i dipendenti dell’imprenditore Ferrara si sono recati sul posto e hanno cominciato a smontare la recinzione perimetrale della Tribuna Ovest, gesto estremo e disperato maturato da tempo e messo in atto nella settimana che precede la partita contro il Poggibonsi, che dovrebbe sancire la promozione del Foggia Calcio in Lega Pro.

Sul posto, alla presenza degli uomini della Digos, si è precipitato il sindaco Mongelli, che dopo un breve colloquio si è assunto l’impegno di risolvere la situazione: “Siamo in attesa di avere, questo pomeriggio, la comunicazione di una possibile convocazione per domani mattina presso l’ufficio di gabinetto” dichiara a Foggia Today l’avv. Alfonso Buono.

Nel frattempo – fa sapere il legale della Gaia Costruzioni – parte della recinzione rimossa è stata prontamente ripristinata dagli stessi lavoratori, evidentemente pronti a ritornare sul posto se la situazione dovesse precipitare.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FoggiaToday è in caricamento