menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La protesta in strada

La protesta in strada

"Vogliamo il documento e case per tutti", migranti in protesta davanti alla sede della DIA: "Ora basta!"

Il Comitato: "Non si può parlare di legalità e poi chiudere un occhio davanti alla violazione sistematica delle minime garanzie per chi mantiene in vita un comparto fondamentale dell’economia locale"

"Contro lo sfruttamento vogliamo il documento". Questa la richiesta avanzata da una delegazione - circa 15 persone - di migranti delle campagne del Foggiano, che si appellano al Ministro dell'Interno, Luciana Lamorgese, in città per inaugurare la sede DIA a Foggia.

In questo giorno "che dovrebbe rappresentare un segnale della ‘presenza’ dello stato sul territorio, un gruppo di lavoratori delle campagne si è riunito in presidio sotto la nuova sede della DIA per pretendere dalla Ministra Lamorgese risposte chiare riguardo ad una delle questioni centrali per la Capitanata: la regolarità giuridica di chi vive e lavora nelle campagne", scrivono dal 'Comitato Lavoratori delle Campagne.

"Sono anni che lavoratrici e lavoratori stranieri chiedono di avere un documento per poter lavorare regolarmente, ma le risposte del governo si sono sempre fatte attendere. Ora basta! Non si può parlare di legalità e poi chiudere un occhio davanti alla violazione sistematica delle minime garanzie per chi contribuisce in maniera determinante a mantenere in vita un comparto fondamentale dell’economia locale. Oggi chiediamo alla Ministra un segnale chiaro: documenti, contratti, trasporti e casa per tutti e tutte".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FoggiaToday è in caricamento