San Severo in rivolta, fischi e cori contro il Dpcm del governo Conte: "Vogliamo aprire, vogliamo lavorare"

Manifestazione a San Severo del 26 ottobre 2020 contro il Dpcm del governo Conte. In strada anche i proprietari dei locali costretti a chiudere al pubblico alle 18

Fischi, cori e striscioni contro il governo Conte. Da un paio di ore decine e decine di persone, tra cui anche i titolari dei locali costretti a chiudere alle 18, stanno attraversando il centro di San Severo in segno di protesta contro il Dpcm del 24 ottobre. 

La manifestazione spontanea è ritornata nel punto di partenza, in piazza Incoronazione, dopo aver attraversato il centro e raggiunto la villa comunale. I manifestanti hanno sfilato al grido "libertà libertà" e "vogliamo aprire, vogliamo lavorare".

Tra i partecipanti anche i dipendenti dei locali colpiti dalle nuove misure anti-covid. "Lavorare è un diritto" e "Lo Stato ci ha messo in ginocchio" si legge su alcuni cartelli esposti dai manifestanti.

Sul posto è intervenuta la polizia. Al momento la situazione è sotto controllo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Travolge e uccide 35enne, scappa ma telecamere e frammenti lo incastrano: arrestato per omicidio stradale

  • Emiliano chiede la 'zona rossa' per la provincia di Foggia: "Qui massima gravità e livello di rischio alto"

  • "Mamma come l'ho combinato". Tutte le vittime della violenta 'Società Foggiana': "Qui le estorsioni devi pagarle a noi"

  • Coronavirus: la Puglia resta in zona arancione

  • Finisce in carcere l'uomo che ha investito e ucciso Vincenzo Maffeo. Aveva portato a riparare il mezzo da un carrozziere

  • Sua moglie è positiva, lui è in isolamento ma va ugualmente a lavorare: segnalato al 112 e multato dai carabinieri

Torna su
FoggiaToday è in caricamento