menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La protesta davanti al Comune di Foggia

La protesta davanti al Comune di Foggia

Verso lo sfratto e senz’acqua da dieci giorni: famiglie protestano davanti al Comune

42 famiglie del Salice Nuovo, che il 18 novembre riceveranno lo sfratto esecutivo, hanno occupato Corso Garibaldi. Il sindaco: “Vincoli normativi e ristrettezze economiche ci impediscono di intervenire in questo settore”

Stanno protestando da alcune ore davanti al Comune di Foggia contro lo sfratto esecutivo previsto per mercoledì 18 novembre. Una trentina di persone, tra donne, uomini e bambini, in rappresentanza delle 42 famiglie del Salice Nuovo, hanno occupato Corso Garibaldi evidenziando le preoccupazioni derivanti dallo sfratto imminente e le condizioni in cui sono costretti a vivere, da dieci giorni senz’acqua. Il proprietario degli appartamenti, infatti, non avrebbe pagato le bollette in quanto non riceverebbe dal Comune le quote d’affitto. Situazione che si protrae ormai da ben dieci anni.

Sul posto anche la Digos, la polizia, gli agenti della Municipale e i carabinieri. La situazione è sotto controllo. Una delegazione delle famiglie sotto sfratto salirà negli uffici del Comune per un colloquio alla presenza del sindaco e del prefetto

Per illustrare la drammatica condizione che la città sta vivendo sul fronte dell’emergenza abitativa e in ragione delle proteste che questa mattina si sono verificate davanti a Palazzo di Città, il sindaco ha inteso infatti anticipare a questo pomeriggio, alle 17, la conferenza stampa dedicata all’emergenza abitativa inizialmente convocata per la giornata di venerdì. L’incontro si terrà nella sala riunioni al quarto piano della sede del Comune di via Gramsci.

In particolare, il primo cittadino riferirà delle situazioni di crisi generate da una serie di sfratti esecutivi che avranno corso nelle prossime settimane e, contestualmente, spiegherà come i vincoli normativi collegati all’adesione del Comune alla procedura del cosiddetto “Decreto Salva Enti” e le ristrettezze economiche impediscano all’Amministrazione comunale di intervenire in questo settore.

All’incontro con la stampa saranno presenti anche l’assessore comunale ai Contratti, Sergio Cangelli, il consigliere comunale con delega alle Politiche Abitative, Saverio Cassitti, il dirigente del Servizio Finanziario, Carlo Dicesare, ed il dirigente del Servizio Politiche Abitative, Paolo Affatato.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La Puglia in bilico tra il giallo e l'arancione

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FoggiaToday è in caricamento