rotate-mobile
Giovedì, 30 Giugno 2022

"Non ce la facciamo più", in provincia i mercati non riaprono ancora. Il grido di aiuto degli ambulanti: "Non siamo invisibili"

Commercianti provenienti da Cerignola, Lucera, Orta Nova, San Severo e Torremaggiore hanno manifestato davanti alla Prefettura per sollecitare i comuni alle riaperture dei mercati rionali

Una protesta pacifica, questa mattina, in Prefettura, per sollecitare le amministrazioni comunali della provincia di Foggia a riaprire quanto prima i mercati. È il grido di dolore degli ambulanti, provenienti da Cerignola, Lucera, Orta Nova, San Severo e Torremaggiore, che dopo due mesi di chiusura forzata chiedono ai sindaci della provincia di Foggia di ritornare a lavorare.

Al momento, alcuni comuni hanno provveduto alla riapertura dei mercati (Apricena, San Severo e San Paolo di Civitate), a differenza dei mercati dei comuni del Gargano e di Lucera: "Non riusciamo a parlare con i sindaci di quei comuni", dichiarano i manifestanti, appartenenti alla Associazione Nazionale Ambulanti. Ma malgrado la disponibilità all'ascolto del Prefetto, la decisione di riaprire i mercati spetta alle Amministrazioni: "Le nostre famiglie sono allo stremo, vorremmo che i sindaci ci ascoltassero e non si chiudessero a riccio". 

Video popolari

"Non ce la facciamo più", in provincia i mercati non riaprono ancora. Il grido di aiuto degli ambulanti: "Non siamo invisibili"

FoggiaToday è in caricamento