menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Immagine di repertorio

Immagine di repertorio

Shock ad Apricena: una busta contente un proiettile arriva al sindaco, Antonio Potenza

Prevista nel pomeriggio una conferenza stampa (ore 17:30 a Palazzo di città), nella quale il sindaco Potenza, con la partecipazione dell'avvocato Giacomo Grasso, spiegherà quanto accaduto

Una busta contenente un proiettile di pistola calibro 9 è stata sequestrata dalle forze dell’ordine, ad Apricena: era indirizzata al sindaco di Apricena, Antonio Potenza, già in passato vittima di violenze e minacce. Nessuna missiva, nessuna lettera di accompagnamento: nella busta vi era solo il proiettile.

Potenza, ex Forza Italia, è stato eletto sindaco nel maggio del 2014, con la lista civica ‘Uniti per Cambiare’. "L’Amministrazione comunale esprime solidarietà al primo cittadino, che in questi anni si è sempre distinto nelle sue battaglie a favore della legalità e contro ogni atto intimidatorio", spiega il vicesindaco della cittadina dell’alto Tavoliere, Anna Maria Torelli.

MINACCIA IL SINDACO: PRETENDE LAVORO LEGGERO E SENZA STRESS

Già lo scorso anno, infatti, Potenza fu vittima di minacce reiterate, da parte di un uomo di 64 anni (poi individuato ed arrestato dai carabinieri, con l’accusa di tentata estorsione e minacce) che pretendeva di essere assunto al Comune dal primo cittadino, che doveva trovare per lui un lavoro “leggero e senza stress”.

L’intera circostanza e le continue minacce furono però denunciate ai carabinieri, che avviarono le indagini. La vicenda, ovviamente, non è in alcun modo collegabile a quest’ultimo atto intimidatorio, che va ad ingrossare le fila dei sindaci minacciati nei vari comuni del Foggiano.

L’ultimo, in ordine di tempo, è stato il sindaco di Rodi Garganico, Nicola Pinto: allo scadere del suo mandato (si vota a giugno) ignoti hanno piazzato una bomba carta nei pressi della sua abitazione, in via Matteotti. Prima ancora, nel marzo scorso, altro ordigno rudimentale venne fatto esplodere nei pressi dell’abitazione del primo cittadino di Peschici, Franco Tavaglione, che ricopre anche la carica di presidente della comunità del Parco del Gargano. In questo caso, i carabinieri incaricati delle indagini, recuperarono anche un proiettile calibro 12. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Si può andare a caccia e in un altro comune: per la Regione è “stato di necessità” per l’equilibrio faunistico-venatorio

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FoggiaToday è in caricamento