Venerdì, 14 Maggio 2021
Cronaca

Asilo degli orrori a Carapelle, colpo di scena in Tribunale: il ministero dell’Istruzione chiede i danni alle maestre imputate

L'amministrazione centrale chiede di costituirsi parte civile contro tutte le imputate, riconoscendo loro comportamenti gravi con danni anche all'immagine dello stesso Ministero. L'avv. Michele Sodrio: "Richiesta molto rara, ma in questo caso le prove non possono essere ignorate o sminuite"

Asilo degli orrori a Carapelle, il ministero dell'Istruzione si è costituito in giudizio e chiede il risarcimento dei danni alle quattro maestre imputate.

E' proseguita davanti al gip Protano del Tribunale di Foggia, l'udienza preliminare contro le quattro maestre, accusate di numerosi episodi di maltrattamenti ai danni di diversi piccoli alunni dell'asilo comunale di Carapelle (i fatti risalgono ad un periodo da ottobre 2018 ad aprile 2019).

C'è stato un colpo di scena nel procedimento: si è costituito in giudizio il ministero dell'Istruzione tramite l'avvocatura dello Stato, dopo la richiesta di chiamata in causa delle parti civili, ma contemporaneamente l'amministrazione centrale chiede di costituirsi a sua volta parte civile contro tutte le imputate, riconoscendo esplicitamente che ci sono stati dei comportamenti gravi da parte delle maestre, con danni anche all'immagine dello stesso Ministero.

Nell'atto di costituzione dell'Avvocatura dello Stato, l'amministrazione chiede alle imputate diverse voci di danno, riconoscendo indirettamente che i fatti sono gravi e soprattutto le prove molto pesanti a carico delle maestre.

Il giudice Protano ha rinviato alla prossima udienza del 21 aprile a causa dell'astensione dalle udienza proclamata dagli avvocati penalisti di tutta Italia e quindi si pronuncerà sulla contemporanea costituzione del Ministero sia come responsabile civile, sia come parte civile contro le sue stesse dipendenti, fatto molto raro ed inusuale.

"Si tratta di una richiesta molto rara dell'amministrazione,Avvocato Michele Sodrio-3 che di solito si limita a contestare l'accusa a carico dei suoi dipendenti", spiega Michele Sodrio (nella foto accanto), uno dei difensori di parte civile e colui che per primo aveva chiesto di chiamare in causa il Ministero dell'Istruzione.

"Ma evidentemente, in questo caso, le prove non possono essere ignorate o sminuite, trattandosi di riprese video e registrazioni audio assolutamente chiare ed incontestabili. Gli episodi sono moltissimi e i bambini hanno subìto pesanti danni psicologici, che si manifestano ancora oggi".

"Vedo un aspetto positivo per noi nel riconoscimento indiretto ma chiaro delle responsabilità di queste maestre, che devono essere sospese e senza stipendio, in attesa della conclusione del processo. Sono persone indegne di continuare a svolgere il loro delicato ruolo. Aspettiamo la decisione del giudice e ci prepariamo ad affrontare il futuro dibattimento, sperando che i tempi del processo non siano troppo lunghi", conclude l'avvocato.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Asilo degli orrori a Carapelle, colpo di scena in Tribunale: il ministero dell’Istruzione chiede i danni alle maestre imputate

FoggiaToday è in caricamento