29enne ucciso dal cugino, guardia giurata avrebbe agito per futili motivi. I familiari: "No al rito abbreviato"

I genitori e la sorella di Amato Di Paola si affidato al legale Antonio Merlicco costituendosi parte civile nel procedimento. I familiari preannunciano ferma opposizione acchè l'imputato Sebastian Ganci venga ammesso al giudizio allo stato degli atti

Immagine di repertorio

Il prossimo 29 gennaio si terrà dinanzi al Gip del Tribunale di Lodi l'udienza a carico di Sebastian Ganci, guardia giurata di 42 anni, accusata di aver ucciso il cerignolano Amato Di Paola, suo cugino, lo scorso 11 agosto, a Tavazzano (Lodi).

Il Pubblico Ministero aveva chiesto, stante lo stato di detenzione dell'imputato e non essendo ancora trascorsi 180 giorni dall'applicazione della misura, il giudizio immediato (che è un procedimento  che supera de plano l'udienza preliminare e porta a dibattimento l'imputato). La difesa dell'imputato ha chiesto, invece, che lo stesso sia giudicato secondo le forme del rito abbreviato e, pertanto, è stata fissata l'udienza per valutare la possibilità di ammissione al procedimento che - se ammesso - garantirebbe la sconto della pena pari ad un terzo.

Omicidio a Tavazzano, 29enne ucciso a colpi di pistola per gelosia

Per tale udienza, si costituiranno parte civile - per mezzo del legale di fiducia, l'avvocato Antonio Merlicco del Foro di Foggia (in foto) -  i genitori e la sorella della vittima, Amato Di Paola. "I familiari preannunciano ferma opposizione acchè l'imputato venga ammesso al giudizio allo stato degli atti. Per i reati commessi dopo il 12 aprile 2019 - spiega l'avvocato Merlicco - è escluso che vi sia accesso al rito abbreviato per i reati astrattamente punibili con l'ergastolo. Ed è proprio il caso che ci occupa, posto che l'omicidio contestato è aggravato dalla premeditazione e dai futili motivi".

In merito al fatto di sangue, rimarca il lagale a FoggiaToday "Tutte le intere fasi della vicenda sono state riprese da una telecamera collocata all'interno dell'appartamento dell'imputato, luogo in cui si verificò il tragico evento. Pertanto, considerata anche la confessione resa da Ganci e le testimonianze estremamente puntuali ed attendibili, non v'è dubbio di responsabilità penale. E', quindi, altamente probabile che il processo sboccherà alla fase del giudizio dibattimentale che si celebrerà dinanzi ai Giudici della Corte d'Assise di Lodi".

avv Antonio Merlicco-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cadavere carbonizzato con un buco in testa: è dell'uomo scomparso a San Severo, non si esclude l'ipotesi omicidio

  • Scossa di terremoto in provincia di Foggia: l'epicentro a Carpino sul Gargano, il sisma di magnitudo 3.6

  • Terribile incidente sulla Statale 16: morto 36enne di Cerignola, fatale lo scontro tra auto e camion

  • Cacciatori tendono la trappola ai ladri di moto: in quattro tornano per recuperarle, ma vengono beccati e arrestati

  • San Severo come 'Gomorra': la pantera forse fuggita dalla residenza di un boss, si teme fuga verso altri comuni

  • Grave incidente stradale a Lucera, Lancia Musa si schianta contro un muretto: 22enne perde la vita

Torna su
FoggiaToday è in caricamento