rotate-mobile
Mercoledì, 24 Aprile 2024

Processo Landella: ancora un rinvio, emersi vizi procedurali nelle notifiche agli imputati

Dei vizi procedurali nelle notifiche agli imputati, da slittare ancora una volta la fase dibattimentale del processo Landella

Dei vizi procedurali nelle notifiche agli imputati, fa slittare ancora una volta la fase dibattimentale del processo Landella. Le modifiche apportate alla procedura di notifica agli imputati, ha impedito che anche oggi l'udienza del processo Landella entrasse nel vivo. Era prevista una parte dibattimentale ma così non è stato.

L'entrata in vigore della 'Cartabia' ha modificato la procedura per le notifiche dei decreti che dispongono il giudizio, ma agli imputati - gli atti per l'udienza odierna che tra gli accusati vede l'ex sindaco Franco Landella, il presidente dell'allora consiglio comunale Leonardo Iaccarino e altri 10 - sono stati notificati successivamente all'ingresso in vigore della suddetta legge. Bisognerà, quindi, notificare tutti gli atti tenendo conto delle nuove disposizioni.

A questo, si aggiunge un altro problema: il Presidente della Corte Armando Dello Iacovo, avrebbe un legame di parentela con Paolo Agostinacchio, che figura nelle intercettazioni, il che potrebbe far prendere la decisione, da parte del magistrato, di lasciare l'incarico per questo processo. Un maxi processo con numeri enormi: circa 200 testimoni, 480 tra intercettazioni ambientali, messaggi WhatsApp e telefonate, 12 imputati di cui sei raggiunti da misure cautelari.

Video popolari

Processo Landella: ancora un rinvio, emersi vizi procedurali nelle notifiche agli imputati

FoggiaToday è in caricamento