rotate-mobile
Mercoledì, 7 Dicembre 2022

8 militari alla sbarra. Mamma Rosa non ha mai smesso di cercare la verità per suo figlio: "Ora ci aspettiamo giustizia per Francesco"

Procede il processo che vede alla sbarra 8 militari indagati per la morte del caporal maggiore Francesco Positano che, in circostanze poco chiare, perse la vita ad Herat in Afghanistan, 11 anni fa. Gli avvocati Lucia Frazzano e Annarita Antonetti e mamma Rosa Papagna

È ancora in una fase interlocutoria - i testi non vengono ancora ascoltati - il processo che punta a far luce sulla morte di Francesco Saverio Positano, il caporal maggiore dell'Esercito morto in Afghanistan vicino Herat 11 anni fa, il 23 giugno 2010. La prossima udienza si terrà il 26 ottobre. 

Due degli otto indagati sono accusati di cooperazione nel delitto colposo e di omicidio colposo, gli altri per falsa informazione a Pubblico Ministero o al procuratore della corte penale internazionale. 

Decine di testi verrano ascoltati per ricostruire l'incidente in cui perse la vita Positano. Diversi Ris sconfessarono la tesi secondo la quale quel 23 giugno del 2010 il militare perse la vita battendo la testa al suolo a causa di un malore. 

Ai microfoni di Foggiatoday mamma Rosa è certa che finalmente suo figlio avrà giustizia: "Noi come genitori ma anche gli avvocati non abbiamo mai creduto alla caduta, ne eravamo certi dal primo giorno"

Video popolari

8 militari alla sbarra. Mamma Rosa non ha mai smesso di cercare la verità per suo figlio: "Ora ci aspettiamo giustizia per Francesco"

FoggiaToday è in caricamento